RICERCA:
  •   Favorire
    il PROGRESSO SCIENTIFICO
  •      attenzione
    responsabilità
     VERSO IL TERRITORIO
  •     Il Valore
      della RICERCA
  •     Il Valore
      della QUALITA'
  • innovazione
       SCIENTIFICA
 
Selezione di notizie riguardanti il mondo farmaceutico, a cura della Direzione Corporate Communication.
 
Ricerca:
 
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 |
29.05.2014
Pancreas artificiale, al via studio su prototipo `made in Italy` uno speciale cellulare regola infusione insulina

Da: RICERCA

Al via uno studio per testare un prototipo `made in Italy` di pancreas artificiale, un micro-infusore che prende ordini da un algoritmo contenuto in uno speciale cellulare e somministra insulina, mimando la funzione del pancreas, compromessa nei pazienti diabetici. Il prototipo, messo a punto a Padova, è fra le novità presentate al XXV congresso nazionale della Società italiana di diabetologia (Sid), che si apre a Bologna. Dall`inizio di giugno un gruppo di pazienti lo utilizzerà a casa di notte per due mesi. Il prototipo, spiega Daniela Bruttomesso, della Divisione malattie del metabolismo dell`azienda ospedaliera universitaria di Padova, "è composto da un microinfusore, un sensore e un cellulare privato delle funzioni di telefono, ma contenente l`algoritmo matematico. Quest`ultimo, che prima era contenuto in un computer portatile, riceve la misura della glicemia fatta dal sensore, elabora i dati e ordina al microinfusore quanta insulina infondere per mantenere la glicemia a livelli quanto più normali possibili". La misura della glicemia arriva ogni 5 minuti all`algoritmo, che decide se confermare o modificare l`infusione di insulina precedentemente suggerita. "Poter abbandonare le iniezioni e le misurazioni ripetute della glicemia nel corso della giornata resta una delle grandi speranze per tante persone con diabete tipo 1 e delle loro famiglie - commenta Stefano Del Prato, presidente della Sid - Il pancreas artificiale è una strada intrapresa ormai molti decenni fa, ma che ora vede avvicinarsi a velocità sempre maggiore la possibilità di un impiego clinico. È motivo d`orgoglio per la comunità diabetologica italiana e la Sid che un contributo sostanziale a questo affascinante sviluppo avvenga proprio ad opera dei nostro ricercatori e clinici". Il lavoro italiano fa parte di un progetto finanziato dalla Comunità europea, a cui hanno partecipato l`università di Montpellier in Francia, l`università di Amsterdam e gruppi di ricerca americani.



Vedi allegato
 
23.05.2014
Allarme esperti, forti rischi da super virus manipolati in laboratorio negli anni sono cresciuti centri ma anche incidenti e smarrimenti di fiale

Da: RICERCA

 C`è un nuovo rischio che sta allarmando la comunità scientifica: la possibilità che si possano liberare, anche a causa di incidenti o smarrimenti in laboratorio, alcuni super virus pericolosi, dalla Sars a Ebola, frutto di manipolazioni e mutazioni dei ceppi naturali, contro cui potrebbe non esserci rimedio se scoppiasse una pandemia. Non è lo scenario fantascientifico di un film hollywoodiano, ma l`allarme lanciato da due epidemiologi, Marc Lipsitch e Alison P. Galvani, in un articolo pubblicato su `PlosMedicine. Secondo i due esperti "la creazione in laboratorio di nuovi agenti infettivi potrebbe mettere la vita umana a rischio". I due scienziati hanno stimato che se questo tipo di manipolazione fosse avvenuta, ad esempio, solo in 10 laboratori americani per un decennio "oggi - spiegano alla rivista `The Atlantic` - ci potrebbe essere una probabilità del 20% che un tecnico di laboratorio sia rimasto infettato da uno di questi nuovi super virus. Con il rischio potenziale di trasmettere la malattia ad altre persone". La preoccupazione degli scienziati è che "si sta facendo qualcosa che non esiste in natura, un`operazione che combina l`alta virulenza di questi patogeni, con la loro capacità di trasmettersi in modo efficiente". Gli incidenti che hanno coinvolgono agenti patogeni coltivati in laboratorio non sono frutto solo della fantasia di scrittori e sceneggiatori. Nel 2003 un tecnico di laboratorio di Singapore è stato inavvertitamente infettato con il virus della Sars. Nel 2004 in un centro siberiano uno scienziato russo è morto dopo essersi punto accidentalmente con un ago contaminato con Ebola. Recentemente si sono verificati altri due casi - riporta la ricerca - uno a Parigi dove l`Istituto Pasteur ha perso 2.000 fiale contenenti il virus della Sars e l`altro in Texas dove il Laboratorio nazionale di Galveston ha smarrito un flaconcino contenente il virus Guanarito, che provoca devastanti emorragie sotto la pelle, negli organi interni, in bocca, occhi e orecchie.



Vedi allegato
 
21.05.2014
Batteri a bordo, resistono anche una settimana in cabina aereo studio USA cronometra sopravvivenza 2 microbi in braccioli, tendine e tavolini

Da: RICERCA

Sono ospiti invisibili, i compagni di viaggio che non ti aspetti. Sugli aerei non volano solo hostess, steward e passeggeri paganti: anche i batteri si imbarcano. Ma il piccolo dettaglio è che, una volta atterrati, non scendono con tutti gli altri. Restano a bordo e possono resistere sulle superfici della cabina per giorni, anche fino a una settimana. A rivelare le `abitudini di questi micro-ospiti senza biglietto è una ricerca presentata al meeting annuale dell`American Society for Microbiology. Perchè i batteri che causano malattie si trasmettano da una superficie della cabina a una persona, devono sopravvivere alle condizioni ambientali all`interno del velivolo. Un team di ricercatori Usa ha testato la capacità di due agenti patogeni - lo Staphylococcus aureus meticillino-resistente e l`E.coli O157:H7 - di resistere in vita sulle superfici di un aereo. Gli scienziati hanno ricevuto materiali differenti da una compagnia aerea importante: un bracciolo, un tavolino in plastica, un pulsante della toilette di metallo, una tendina parasole, la tasca di stoffa di un sedile, del cuoio. Poi vi hanno inoculato i batteri e li hanno esposti alle tipiche condizioni di un aeroplano. La `gara di sopravvivenza è stata vinta dallo stafilococco aureo sulla tasca di stoffa del sedile: 168 ore, cioè una settimana. Mentre l`E.coli ha resistito più a lungo sul bracciolo: 96 ore, cioè 4 giorni. I dati mostrano che entrambi i batteri possono sopravvivere per giorni su un selezionato tipo di superficie, indipendentemente dal fluido corporeo presente. E questo rappresenta un rischio di trasmissione tramite contatto con la pelle", avverte Kiril Vaglenov dell`Auburn University, presentando i dati dello studio. "Molti viaggiatori temono il rischio di prendere malattie da altri passeggeri, visto il lungo tempo che devono trascorrere in cabine di aerei super affollate", spiega Kiril Vaglenov dell`Auburn University, lo scienziato che ha presentato i dati. "Questo report è un primo passo nell`indagine su questi potenziali problemi. I nostri piani per il futuro sono di esplorare strategie di pulizia e disinfezione efficaci, e testare superfici con naturali proprietà antimicrobiche per capire se aiutano a ridurre la persistenza dei batteri nelle cabine passeggeri". Nel frattempo, il team ha in corso trial con altri patogeni umani, compreso il batterio che causa la tubercolosi. 

 



Vedi allegato
 
19.05.2014
Contro diabete meglio 2 pasti abbondanti ma a orari precisi rispetto a menù `light` ma frequenti nell`arco della giornata

Da: MEDICINA

Due pasti abbondanti al giorno in orari precisi, la colazione e il pranzo (ricchi di frutta, verdure e fibre), possono essere più efficaci nella lotta al diabete di tipo 2 rispetto a pasti più frequenti ma frugali. È quanto stabilito da una ricerca dell`Institute for Clinical and Experimental Medicine di Praga, pubblicata online su `Diabetologia. I ricercatori hanno diviso un gruppo di 54 volontari con diabete di tipo 2, di età compresa tra 30 e 70 anni, in due gruppi di 27 persone. Ai due gruppi sono stati consegnate due diete, di circa 1.700 calorie ciascuna, da consumare però in modi differenti: un gruppo poteva consumare solo due pasti al giorno, uno dalle 6 alle 10 del mattino e l`altro dalle 12 alle 16; l`altro gruppo poteva suddividere le calorie in 6 pasti durante tutto l`arco della giornata. Ebbene, i volontari che hanno seguito le indicazioni più `restrittive hanno perso più chili e la glicemia si è abbassata, rispetto a coloro che mangiavano più `light` ma più frequentemente. In conclusione, secondo la ricerca "consumare due abbondanti pasti al giorno, la colazione e il pranzo, potrebbe essere più efficace per chi ha problemi di peso e di diabete, di frugali ma frequenti pasti durante la giornata". 



Vedi allegato
 
14.05.2014
+30% melanomi in 10 anni, ecco come proteggersi al sole 10 regole d`oro e l`alfabeto dei nei

Da: Oncologia

Quasi 200 mila persone colpite ogni anno nel mondo, 9 mila solo in Italia, con un aumento dei casi pari al 30% negli ultimi 10 anni. Sono i numeri del melanoma, legato a doppio filo con un`esposizione sbagliata al sole: intensa, intermittente, senza protezione adatta soprattutto quando la pelle è chiara e non abituata al `baciò dei raggi. L`Abc della tintarella sicura è stato ricordato a Milano, durante un incontro promosso da Roche per presentare nuovi dati su vemurafenib, la prima terapia personalizzata contro il melanoma avanzato, prodotta dall`Italia per tutto il mondo, disponibile da un anno. Buon senso sotto il sole e diagnosi precoce sono "due strade che permetterebbero di evitare la degenerazione della patologia nel 99% dei casi", assicurano gli esperti. Ecco le 10 regole da seguire: 1) Conoscere il proprio fototipo ed utilizzare creme solari adeguate alla propria pelle, soprattutto su bambini e ragazzi di età inferiore a 15 anni 2) Ridurre al minimo le esposizioni ai raggi solari, specie nelle ore centrali della giornata 3) Evitare le scottature 4) Non esporsi al sole con profumi ed essenze 5) Evitare l`uso di lampade e lettini abbronzanti; 6) Utilizzare indumenti adeguati (cappelli, magliette, occhiali) 7) Sostare all`ombra 8) Non esporre al sole i bambini fino al sesto mese 9) Controllare i nei per verificare eventuali cambiamenti (nel 20-30% circa dei casi il melanoma può degenerare da un neo pre-esistente) 10) Fare un controllo una volta l`anno dal dermatologo o comunque ogni volta che si nota una mutazione dei nei. Occhio dunque all``alfabeto dei nei, e cioè alle caratteristiche da tenere sempre sotto controllo: A come asimmetria (i melanomi sono di solito asimmetrici, con metà macchia più grande dell`altra); B come bordi irregolari (i melanomi li hanno `a carta geografica); C come colore (osservare eventuali cambiamenti); D come dimensione superiore a 6 millimetri (il neo va fatto controllare dallo specialista); E come evoluzione progressiva (in un adulto un neo non deve crescere) 



Vedi allegato
 
13.05.2014
Alcol: Lorenzin, rispettare divieto vendita a minorenni

Da: SANITÀ

Serve un tavolo con gli esercenti, quelli che vendono i superalcolici, bar e commercianti, la distribuzione, per trovare un modo di applicare la norma vigente, perché la legge che vieta la vendita di superalcolici ai giovani già c`è. Il problema è che non viene applicata, non c`è un controllo adeguato". Lo ha detto il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, a margine di una visita al policlinico fiorentino di Careggi, parlando con i giornalisti a proposito del fenomeno della diffusione dell`alcol tra i giovani. ``Io sono molto rigorosa e innanzitutto bisogna salvaguardare la salute di un`intera generazione. Abbiamo fenomeni - ha continuato il ministro - non solo di ubriacatura molesta ma anche selvaggia`. ``Per avere un risultato vero - ha aggiunto Lorenzin - bisogna coinvolgere gli attori in una operazione non solo vietando la vendita ai minorenni, verificando chi si ha di fronte, ma anche con una campagna di prevenzione che deve essere fatta. Serve fare commercio e turismo in modo diverso, e non certo puntando sulla cultura degli `happy hour`. Questa, come quella contro la droga, deve essere una grande battaglia per far capire ai ragazzi che ubriacarsi tutti i giorni in questo modo - ha concluso Lorenzin - è veramente un gravissimo danno per la loro salute".



Vedi allegato
 
12.05.2014
Indagine, dolore 2 baby-pazienti su 3 snobbato in pronto soccorso da gruppo Pain in Pediatric Emergency room linee guida per ospedali

Da: MEDICINA

`Pianto-capriccio o perché il bimbo prova dolore? In Italia nel 37% dei piccoli che arrivano in pronto soccorso questa ultima ipotesi non viene valutata a dovere: in un caso su 3 il dolore non si `misura con le apposite scale, in uno su 5 non viene neppure registrato in cartella clinica, e nel 47% dei casi non viene applicato nessun protocollo per trattarlo. Così, solo un bambino su 3 riceve un farmaco per lenire il male. Eppure, il dolore è tuttora la prima causa di accesso al pronto soccorso per gli `under 14`: è quanto emerge dai dati raccolti da Piper (Pain in Pediatric Emergency Room), gruppo di studio sul dolore pediatrico in emergenza, attraverso un`indagine condotta su 19 pronto soccorso italiani dal 2010 al 2013. "Passano in media 50 minuti prima che i piccoli pazienti siano visitati dal medico di Pronto soccorso - ricorda Franca Benini, responsabile del Centro regionale veneto di Terapia antalgica e cure palliative pediatriche all`università di Padova e coordinatrice del gruppo Piper - un tempo infinito se stanno provando dolore". Per migliorare la situazione il gruppo Piper, in occasione del IV Multidisciplinar Pain Meeting in corso a Minorca, presenta le prime raccomandazioni in materia da diffondere in tutte le strutture sanitarie italiane: si tratta delle `linee guida di intervento per la fase di triage, quando il bimbo viene esaminato per indirizzarlo alle cure più adeguate al suo caso, e per le procedure che possono provocare dolore. "Si tratta - spiega Benini - di raccomandazioni formalizzate per la prima volta, stilate tenendo conto della letteratura scientifica sull`argomento e delle conoscenze attuali in materia di gestione del dolore pediatrico, che riguardano ad esempio procedure molto frequenti e temute dai bambini, come le iniezioni o le suture". 

 



Vedi allegato
 
08.05.2014
Sviluppato software che calcola rischio di cancro al seno

Da: Oncologia

Determinare il rischio di cancro al seno grazie ad un software: è quanto sono riusciti a fare alcuni ricercatori dell`Università Politecnica e dell`Istituto di salute Carlos III di Valencia, che hanno sviluppato DMScan, programma informatico che a partire dall`immagine ottenuta con la mammografia, è in grado di quantificare in modo oggettivo la densità della mammella, un valore direttamente collegato al rischio di avere il cancro. Lo studio è pubblicato sulla rivista Computer Methods and Programs in Biomedicine. ``La mammella è composta da tessuto adiposo e fibroghiandolare - spiega Rafael Llobet, uno dei ricercatori - la densità è la proporzione di quest`ultimo in rapporto alla grandezza del seno. Il nosto software quantifica questo valore, differenziando il tessuto denso da quello grasso. In questo modo si ha una misura continua e molto più obiettiva di quella offerta attualmente dai medici, basata sull`ispezione visiva. Si tratta quindi di un aiuto per diagnosticare il cancro del seno``. Il software può funzionare in modo automatico e assistito. In questo caso, l`utente ha la possibilità di aggiustare i diversi parametri associati al cancolo della densità. ``Al momento, la lettura assistita, realizzata da un radiologo esperto - continua - fornisce informazioni di maggior qualità, ma la possibilità di una lettura automatica è molto interessante per avere una prima valutazione nella lavorazione delle tante mammografie che si fanno``. Il programma incorpora tecniche di riconoscimento di forma con l`apprendimento automatico del computer, e include un modello statistico creato a partire da una base di dati di 650 mammografie. 


Vedi allegato
 
07.05.2014
Anche pillole inquinano, progetto su uso consapevole e ambiente da APMAR, fondazione con il sud e AIFA

Da: MEDICINA

Sviluppare una nuova coscienza sociale sull`importanza di un uso consapevole del farmaco anche volto a limitare l`inquinamento che i medicinali possono provocare. Puntando, in particolar modo, al coinvolgimento di alcune fasce di popolazione: anziani, disabili, giovani, famiglie, stranieri, medici di base e veterinari. È l`obiettivo di `Green Health, fai la differenza, campagna di sensibilizzazione per un uso consapevole e senza sprechi del farmaco, un progetto Apmar (Associazione persone con malattie reumatiche), finanziato da Fondazione con il Sud e che vede il coinvolgimento, a livello nazionale, dell`Agenzia italiana del farmaco (Aifa). Con una spesa nazionale per l`acquisto di farmaci di 25,5 miliardi di euro, pari a circa 430 euro pro capite (rapporto Aifa-Osmed), gli italiani sono grandi consumatori di farmaci, in particolare antinfiammatori e antibiotici. L`inquinamento da farmaci è un problema ambientale emergente e non può essere considerato un inquinamento convenzionale, di matrice industriale, o legato alle attività produttive, ma un inquinamento diffuso a cui ciascuno, più o meno inconsapevolmente, contribuisce. La letteratura scientifica spiega infatti che i farmaci possono essere considerati degli inquinanti ambientali ubiquitari, che contaminano l`ambiente attraverso una miriade di fonti di inquinamento diffuse. Una volta somministrati, molti farmaci non sono metabolizzati e i pazienti, nel caso dei farmaci per uso umano o gli animali, per i farmaci veterinari, sono quindi considerati la principale fonte di inquinamento. In Italia vengono vendute decine di migliaia di tonnellate di farmaci, ed e noto che molti di questi non siano in realtà utilizzati ma vengano gettati erroneamente nella spazzatura, contribuendo cosi a contaminare l`ambiente e in particolare le acque.  



Vedi allegato
 
06.05.2014
CNR, proteina `killer` attiva morte neuroni in malati Parkinson

Da: RICERCA

Un nuovo meccanismo di morte neuronale tipico della malattia di Parkinson, che può diventare un bersaglio terapeutico specifico per questa malattia, è stato identificato da uno studio condotto da ricercatori dell`Istituto di tecnologie biomediche del Consiglio nazionale delle ricerche (Itb-Cnr) in collaborazione con gruppi di Columbia e Harvard University e dello Sloan-Kettering Institute. La ricerca, pubblicata su `Nature Communications`, prelude a una possibile nuova strategia terapeutica contro questa malattia. "Abbiamo dimostrato che i neuroni umani che vengono colpiti selettivamente nella malattia di Parkinson esprimono una proteina chiamata MHC-I - spiega Luigi Zecca, direttore dell`Itb-Cnr e coautore dello studio assieme ai colleghi Fabio A. Zucca e Pierluigi Mauri - La proteina lega i frammenti di proteine antigeniche del neurone che i linfociti T citotossici riconoscono come estranei, finendo per attaccare e uccidere il neurone. Nelle regioni cerebrali colpite dalla malattia, la componente dei vasi sanguigni chiamata `barriera ematoencefalica è danneggiata: ha dei `buchi che permettono il passaggio nel parenchima cerebrale dei linfociti che provocano la morte neuronale". L`espressione della proteina risulta elevata nei neuroni presenti nelle aree cerebrali colpite dal Parkinson (sostanza nera e locus coeruleus) e molto bassa in quelli delle aree risparmiate dalla malattia. "Questo spiegherebbe anche la selettività della malattia nel colpire questi neuroni e i loro circuiti", prosegue Zecca. "E poiché la proteina è altamente concentrata negli organelli della neuromelanina, sostanza che si accumula con l`invecchiamento del cervello, questo dimostra l’esistenza di un meccanismo importante che lega l`invecchiamento e le malattie neurodegenerative come Alzheimer e Parkinson". 

 



Vedi allegato
 
05.05.2014
Italiani scoprono proteina che mantiene giovane cuore

Da: RICERCA

La ricerca italiana mette a segno un altro goal: scoperta la proteina che mantiene giovane il cuore. Uno studio finanziato da Telethon ha individuato una proteina (Atrogin-1) che permette alle cellule del cuore di ripulirsi dalle sostanze tossiche e rigenerarsi, prevenendo così patologie cardiologiche. La ricerca, pubblicata sul Journal of Clinical Investigation, è stata condotta da ricercatori dell`Università di Padova e del Venetian Institute of Molecular Medicine (Vimm). "La patologia osservata, come le altre forme più comuni di cardiomiopatie ipertrofiche, può essere causata da una predisposizione genetica, oppure da altri fattori come invecchiamento e ipertensione", spiega Marco Sandri, ricercatore dell`Istituto Telethon Dulbecco e professore associato dell`Università di Padova. "Ad oggi, tuttavia, sono noti solo alcuni dei geni responsabili di queste patologie. Per questo motivo, aver fatto luce sul ruolo della proteina Atrogin-1 nell`insorgere delle cardiomiopatie, apre prospettive per una migliore comprensione delle cause, anche genetiche di queste malattie, e dei meccanismi coinvolti nello sviluppo dell`insufficienza cardiaca. Poiché le cardiomiopatie ipertrofiche, nelle diverse forme genetiche e acquisite, sono patologie tutt`altro che rare, l`aver identificato il ruolo critico di Atrogin-1 - aggiunge - permetterà di avere ricadute importanti sulla diagnosi, cura e prevenzione di queste malattie". Lo studio dimostra che Atrogin-1 agisce nelle cellule del cuore nella duplice veste di `sentinella e `spazzino delle sostanze tossiche. Tutte le cellule hanno la necessità di rigenerare gli elementi che le compongono quando invecchiano e non funzionano più correttamente, e, allo stesso tempo di smaltire le sostanze di scarto così prodotte per evitare che si accumulino al loro interno con effetti tossici. Atrogin-1, in particolare, incide sui due meccanismi cellulari di smaltimento di tali sostanze, ovvero il proteasoma, il sistema con cui vengono eliminate in modo selettivo le proteine ormai vecchie e non più funzionali all`attività cellulare e l`autofagia, il processo di eliminazione di altri elementi cellulari come ad esempio mitocondri, diversi organelli danneggiati e aggregati proteici.  



Vedi allegato
 
30.04.2014
Boom di insonnia da crisi, sonno prima vittima di instabilità, il neurologo, difficoltà di dormire tra primi sintomi riferiti a medici famiglia

Da: MEDICINA

Spread, disoccupazione, crisi. Parole che tolgono letteralmente il sonno agli italiani. Le difficoltà economiche di questi anni hanno contribuito a far aumentare l`insonnia, "che è il sintomo principale di un disagio psicologico. E può ovviamente essere favorito dalla percezione di instabilità e insicurezza che in questo periodo non è mancata", spiega Sergio Garbarino, docente del Dipartimento di Neuroscienze dell`università di Genova, sottolineando il `pesò di questo disturbo: "Si tratta di uno dei sintomi più lamentati dai pazienti negli ambulatori dei medici di famiglia". La difficoltà di addormentarsi "in un tempo fisiologico che va dai 10 ai 20 minuti", dunque, è la prima spia di ansia, depressione, disagio. Condizioni fortemente favorite dal senso di instabilità, terreno fertile per l`insonnia. "A contare - precisa l`esperto - è la percezione del problema più del problema stesso, e l`attuale crisi è sicuramente molto sentita anche per l`attenzione dei media al tema". E il paradosso è che la mancanza di sonno incide sulla produzione, e questo non aiuta ad uscire da una crisi. "Insomma, un gatto che si morde la coda", spiega l`esperto. Difficile quantificare l`aumento, visto che ad oggi non sono disponibili dati specifici sulla crescita degli insonni durante la crisi. Secondo i dati consolidati di letteratura, il 20% della popolazione italiana ne soffre in maniera cronica e il 40% ha episodi acuti. L`aumento del consumo di medicinali per dormire, però, sottolinea l`esperto, "è un indicatore chiaro che esiste un trend in crescita". Ma a `togliere il sonno non sono solo il disagio psicologico o le malattie psichiatriche. "L`insonnia può essere il segnale d`allarme di molti altri problemi, legati per esempio all`uso di farmaci e di alcol, a patologie respiratorie o sintomatologie dolorose", aggiunge il neurologo. Per questo è fondamentale per i pazienti poter avere risposte dal medico di famiglia, sottolinea l`esperto, organizzatore di `Roma Sonno, in programma nella Capitale dal 9 all`11 maggio. Un appuntamento arrivato al quarto anno, mirato alla formazione dei medici di medicina generale e patrocinato dall`Associazione italiana medicina del sonno (Aism). 

 



Vedi allegato
 
28.04.2014
USA, da team scienziato italiano nuove scoperte su gene “diga”, Pten individuato 15 anni fa, équipe Pandolfi apre a possibili terapie

Da: Oncologia

È stato identificato per la prima volta 15 anni fa e ormai gli scienziati sanno che il gene `Pten` svolge un ruolo fondamentale nel prevenire l`insorgenza e la progressione di numerosi tumori, da quello al seno a quello prostatico. Quando Pten manca o muta, le cellule maligne possono crescere in maniera incontrollata e il cancro ha terreno fertile per svilupparsi. Ora un team di ricercatori del Beth Israel Deaconess Medical Center, guidati dall`italiano Pier Paolo Pandolfi, è riuscito a spiegare più precisamente come questo gene `diga di sbarramento del cancro esercita la sua funzione antitumorale e come la sua perdita o alterazione può aprire la strada alla malattia. Il nuovo studio, pubblicato su `Cell`, rivela che la perdita o la mutazione di Pten non hanno le stesse conseguenze, e non solo fornisce conoscenze fondamentali sulla biologia di base dei tumori, ma offre anche una potenziale direzione nella ricerca di nuove terapie antitumorali. La ricerca aveva iniziato a notare che i pazienti oncologici con mutazioni di Pten ottengono risultati più scarsi dalle terapie rispetto ai malati che lo hanno perso del tutto. Ora, usando un modello animale, gli esperti sono riusciti a dimostrare che è davvero così. E poichè le mutazioni di Pten sono estremamente frequenti in vari tipi di tumori, questa scoperta potrebbe aiutare a spianare la strada a un nuovo livello di trattamento del cancro personalizzato, anche grazie alle innovative tecniche di analisi genetica e alla strategia di ricerca sui farmaci basata sul `Mouse Hospital` messo a punto da Pandolfi.



Vedi allegato
 
17.04.2014
Esercizio fisico contro malattie croniche, al via progetto esperti, nell`80% dei casi patologie curabili con il movimento

Da: MEDICINA

Le malattie croniche colpiscono 1 italiano su 3 e costano al Servizio sanitario nazionale circa 60 miliardi di euro ogni anno, un`emergenza sociale ed economica, che compromette la produttività e la qualità della vita. Tuttavia, nell`80% dei casi, queste patologie si potrebbero prevenire e curare con l`esercizio fisico sicuro e controllato, grazie all`assistenza dei medici di famiglia e di un software messo a punto da Dedalus. Sono le fondamenta del progetto `Movimento per la salute, presentato a Roma al convegno nazionale organizzato al Senato della Repubblica. L`evento è promosso da Associazione nazionale impianti per il fitness e per lo sport (Anif), Società italiana di medicina generale (Simg) e Movimento per la salute, con il patrocinio de `Il ritratto della salute e Technogym. "Siamo orgogliosi di dare il nostro appoggio e sostegno a questo progetto - sottolinea Claudio Cricelli, presidente Simg - innanzitutto perché ci vede coinvolti in prima linea, in secondo luogo perché come medici di famiglia stiamo cercando di diffondere lo stesso concetto di prescrizione dell`attività fisica come un vero e proprio farmaco, da assumere in maniera sicura e controllata. Sono sempre più frequenti, infatti, gli studi scientifici che mettono in risalto la stretta correlazione fra sedentarietà e insorgenza di patologie oncologiche, cardiovascolari, metaboliche e osteoarticolari, che hanno pesanti ripercussioni sociali ed economiche". "È questa la novità e l`innovazione: prescrizione, allenamento controllato in sicurezza e monitoraggio da parte del medico di medicina generale sul paziente per verificarne gli effetti e i risultati - aggiunge Massimo Cicognani, Ad di `Movimento per la salute - Il movimento e l`esercizio fisico diventano, in modo strutturato, parte integrante del sistema dell`offerta sanitaria, in quanto prestazione prescritta a tutti gli effetti, analogamente a quanto si fa con un farmaco o una visita specialistica. L`esercizio fisico diventa un surrogato, se non proprio un`alternativa al consumo dei farmaci".
 



Vedi allegato
 
16.04.2014
Milano, nuova tecnica `salva-cuore` per 4 bimbi italiani/rpt: versione con titolo corretto

Da: MEDICINA

Eccezionale intervento al Policlinico San Donato di Milano. Una nuova tecnica chirurgica `salva-cuore` ha permesso di operare i primi quattro bambini italiani. A idearla i cardiochirurghi pediatrici del Boston Children`s Hospital che, modificando l`utilizzo di una valvola percutanea biologica per adulti, hanno sostituito la valvola mitralica difettosa finora in 20 bambini in tenerissima età, già sottoposti in passato ad almeno un intervento di riparazione valvolare. I cardiochirurghi pediatrici e cardiologi interventisti dell`Irccs Policlinico San Donato hanno eseguito l`intervento sui primi baby pazienti italiani.  "L`intuizione di un cardiochirurgo americano sembrerebbe aver fornito la soluzione per evitare a questi bambini lo spettro di interventi plurimi e ravvicinati", sostiene Alessandro Frigiola, cardiochirurgo pediatrico del Policlinico San Donato. Melody è una valvola biologica che nasce in realtà per sostituire la valvola polmonare difettosa con impianto percutaneo. E` costituita da un tratto di giugulare bovina, con annessa valvola suturata su uno stent, a sua volta montato su un catetere a palloncino. Oltre ad avere delle dimensioni molto piccole, è in grado di essere ri-espansa, assecondando la crescita del bambino. Il suo stent può infatti essere compresso e allargato fino a 22 mm di ampiezza, senza danneggiare la valvola: da queste caratteristiche è nata l`idea per un uso `off label` e per il tentativo di impianto nei bambini con difetti mitralici.  "Abbiamo chiesto ai colleghi americani di supportarci per eseguire il primo intervento ed insieme, vista la perfetta riuscita, abbiamo impiantato la valvola a 4 bambini italiani, tra i 6 mesi e i 6 anni di vita, due maschietti e due femminucce, tutti con almeno due interventi alle spalle per riparazione della valvola mitralica. I bambini hanno reagito ottimamente all`impianto, stanno molto meglio e sono già tornati a casa dalle loro famiglie", continua Frigiola.



Vedi allegato
 
15.04.2014
Studio italiano, nel dna mitocondriale il segreto della longevità

Da: RICERCA

Il segreto della longevità è nel Dna mitocondriale. A questa conclusione sono arrivati i ricercatori delle università di Modena e Reggio Emilia, di Bologna e di Firenze, oltre che del Cnr di Pisa, dell`Istituto superiore di sanità di Roma e del Nosae di Modena, nell`ambito di uno studio sui fenomeni biologici legati al processo di invecchiamento e sullo sviluppo di nuove strategie, terapeutiche ma anche comportamentali, per migliorare lo stato di salute della persona anziana. Lo studio, coordinato da Andrea Cossarizza dell`Unimore e Claudio Franceschi dell`ateneo di Bologna, e portato avanti da Marcello Pinti di Unimore, si è svolto nell`ambito del progetto Europeo Eu-Geha ed è stato finanziato in parte anche dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Vignola. "Non c`è dubbio che questa scoperta scientifica - ha affermato il rettore dell`Unimore Angelo Andrisano - dischiude le porte a nuove frontiere di ricerca e terapeutiche. Non si è trovato il mitico elisir di lunga vita - precisa ma certamente sapere di più del nostro sistema immunitario e dei mecccanismi fisiologici che conducono all`invecchiamento consente di far progredire le terapie rivolte agli anziani". Dal 2006 al 2013 i ricercatori coinvolti hanno prima raccolto il plasma, e poi quantificato il Dna mitocondriale presente, di 831 persone sane di diverse nazionalità europee, di età compresa da 1 a 104 anni, fra cui 429 individui appartenenti a coppie di fratelli o sorelle, oltre i 90 anni. Le informazioni raccolte hanno consentito di scoprire che con il processo di invecchiamento aumenta la quantità di Dna mitocondriale circolante nel plasma e, studiando le famiglie di persone molto anziane, che esiste un forte controllo genetico di tale livello.



Vedi allegato
 
14.04.2014
Virus intestinale per 120 mila italiani, -3 kg in due giorni. Pregliasco, complici gli sbalzi termini il trend continuerà

Da: MEDICINA

Se l`influenza stagionale è ormai agli sgoccioli, è tempo di virus gastrointestinali. "La cosiddetta influenza intestinale questa settimana ha colpito 120 mila italiani, complice il meteo e gli sbalzi di temperatura. Si tratta di enterovirus e adenovirus che provocano una febbricola, ma soprattutto dolori di pancia, nausea, vomito e diarrea. Con il risultato che in un paio di giorni si perdono anche 3 kg". Lo spiega il virologo dell`Università degli Studi di Milano, Fabrizio Pregliasco, sottolineando "che l`effetto immediato sul peso è dovuto alla perdita dei liquidi. Il pericolo, con queste forme virali che si risolvono in un paio di giorni, è quello della disidratazione". Attenzione dunque ad anziani, bambini e persone fragili. "Per gli altri, specie chi ha qualche chilo di troppo, può essere l`occasione per mettersi a dieta: il virus dà infatti inappetenza per 3-5 giorni dopo la scomparsa dei sintomi, ed è utile mangiare poco, spesso e scegliendo alimenti particolarmente digeribili". Secondo il virologo il malanno continuerà a farsi sentire con la stessa intensità anche nella prossima settimana, "colpendo un po’ tutti. Per difendersi non resta che curare bene l`igiene delle mani e - conclude - passare meno tempo possibile in spazi chiusi".



Vedi allegato
 
11.04.2014
Cervello: trovato nesso tra materia bianca e salute cognitiva

Da: RICERCA

Un gruppo di scienziati del Sanders-Brown Center on Aging dell’Università del Kentucky ha trovato una connessione tra la salute della materia bianca, il tessuto cerebrale che supporta le funzioni cognitive, e la presenza di demenza in persone con la sindrome di Down. Come si legge sulla rivista Neurobiology of Aging, gli scienziati si sono focalizzati sui cambiamenti che avvengono nella materia bianca tramite risonanza magnetica per immagini. Gli studiosi hanno confrontato la salute della materia bianca cerebrale di un gruppo di soggetti e quanto fortemente questa connettesse differenti parti del cervello. I risultati indicano un deterioramento della integrità della materia bianca che si poteva commisurare alla salute cognitiva del soggetto. Gli scienziati hanno coinvolto un gruppo di pazienti con sindrome di Down ma non demenza, un gruppo con sindrome di Down e demenza e un gruppo di controllo costituito da persone sane. Le persone con sindrome di Down che avevano migliore coordinamento motorio e miglior apprendimento e memoria erano quelle che avevano una maggiore salute delle connessioni della materia bianca frontale. 



Vedi allegato
 
10.04.2014
Alcol: ISS, causa un terzo morti per incidenti stradali fra uomini

Da: MEDICINA

In Italia il 37% delle morti per incidenti stradali fra uomini è causato dall`alcol. Lo rivelano i dati dell`Osservatorio nazionale Alcol-Cnesps dell`Istituto superiore di sanità (Iss) in occasione dell`Alcohol Prevention Day. Nel nostro Paese, nel 2010, complessivamente 16.829 persone, di cui 11.670 uomini e 5.159 donne di età superiore ai 15 anni, sono morte per cause totalmente o parzialmente attribuibile al consumo di alcol. La percentuale dei decessi alcol-attribuibili varia in base al sesso e all`età delle persone. La tipologia di decesso che caratterizza maggiormente le classi di età giovanili e rappresentata da quelli avvenuti a causa di cadute, omicidi, suicidi e altri incidenti; nelle fasce di età anziane (ultra 60 enni) il maggior contributo deriva dalle malattie parzialmente attribuibili al consumo di alcol e da cadute, omicidi, suicidi e altri incidenti a indicare che l`alcol è un fattore di rischio per numerose patologie diffuse quali patologie vascolari, gastroenterologiche, neuropsichiatriche. In Italia, il 20% di tutti i decessi registrabili per neoplasie maligne per i maschi e il 6,9% per le donne è attribuibile all`alcol; i decessi per cancro causato dal consumo di alcol (oltre 4.000/anno) incidono per 1/3 sul totale del numero di decessi maschili alcolcorrelati ponendosi come prima causa di morte parzialmente attribuibile tra i maschi. Il 56% delle cirrosi epatiche tra i maschi e il 24% di quelle femminili è attribuibile all`alcol. La frazione alcol-attribuibile dei decessi per incidenti stradali è del 37% per i maschi e del 18% per le donne; 1 decesso su 3 per i maschi e 1 su 5 per le donne potrebbe dunque essere evitato non ponendosi alla guida dopo aver bevuto. La netta prevalenza nel sesso maschile di un elevato numero di decessi per neoplasie maligne e incidenti sollecita l`urgente necessità di attivare iniziative di sensibilizzazione di prevenzione oncologica mirata e di rafforzamento della sicurezza stradale, evidenzia l`Iss 



Vedi allegato
 
10.04.2014
Radioterapia più efficace, 4 studi italiani da Campobasso a Vienna

Da: Oncologia

Quattro studi italiani sull`ottimizzazione della radioterapia anti-cancro presentati al recente Congresso europeo di radioterapia (Estro 33), appena conclusosi a Vienna. Le quattro ricerche sono state sviluppate dalle unità uperative di Radioterapia, Fisica sanitaria e Oncologia generale della Fondazione Giovanni Paolo II di Campobasso. Il team di Alessio Morganti, direttore della Uo di Radioterapia, ha presentato i risultati di uno studio riguardante l`efficacia di una terapia basata sull`utilizzo di basse dosi di radiazioni in combinazione con uno schema chemioterapico (folfiri-bevacizumab) nei pazienti affetti da tumori del colon-retto metastatici. Lo studio aveva l`obiettivo di valutare la possibilità di incrementare il tasso di risposte complete al trattamento, che con la sola terapia farmacologica non supera il 5%. Ebbene, nelle sedi irradiate il tasso di risposte è stato del 39%, senza che l`aggiunta della radioterapia, grazie all`uso di dosi bassissime, abbia incrementato gli effetti collaterali. Il team di Gabriella Macchia, invece, ha presentato uno studio sull`utilizzo della tecnica Vmat nel campo della radiochirurgia per pazienti con recidive/metastasi da neoplasie mammarie o ginecologiche. Questa metodica permette di concentrare nello spazio e nel tempo elevatissime dosi di radiazioni, in grado di distruggere in pochissimi minuti sia tumori che metastasi in varie sedi. Lo studio, che ha visto l`arruolamento di 24 pazienti, costituisce una delle prime esperienze a livello internazionale nell`applicazione di questa tecnica. La tossicità, spiegano i ricercatori in una nota, è stata molto modesta e assolutamente accettabile, inoltre è stata evidenziata una risposta clinica in più di 7 casi su 10.



Vedi allegato
 
09.04.2014
USA, 4 uomini paralizzati tornano a muovere le gambe: elettrostimolazione epidurale del midollo funziona, finanziato dalla Reeve Foundation

Da: RICERCA

Un eccezionale esperimento in Usa accende la speranza per le persone immobilizzate da traumi e lesioni spinali. Quattro uomini paralizzati, infatti, sono stati in grado di muovere le gambe per la prima volta dopo anni, grazie alla stimolazione epidurale elettrica del midollo spinale. Lo riferiscono i medici statunitensi dell`University of Louisville e dell`University of California in uno studio pubblicato su `Brain`.  Andrew Meas, Dustin Shillcox, Kent Stephenson e Rob Summers sono stati trattati presso l`University of Louisville`s Kentucky Spinal Cord Injury Research Centre. Secondo i medici sono stati in grado di flettere dita dei piedi, caviglie e ginocchia, ma non di camminare autonomamente. Stando ai ricercatori l’elettricità renderebbe il midollo spinale più ricettivo ai pochi messaggi che ancora arrivano dal cervello, dunque l`elettrostimolazione potrebbe diventare in futuro un trattamento per le vittime di lesioni spinali.  Il midollo spinale si comporta, infatti, come una linea ferroviaria ad alta velocità, che trasporta messaggi elettrici dal cervello al resto del corpo. Se ci sono danni sui binari, il messaggio non supera le stazioni lesionate. Il team Usa, con un approccio pionieristico, ha applicato la stimolazione elettrica al midollo spinale al di sotto della lesione. Già tre anni fa i ricercatori hanno riferito che il primo paziente, Rob Summers - un giocatore di baseball paralizzato dal torace in giù in seguito a un incidente d`auto - era in grado di muovere le gambe, con un sostegno su un tapis roulant. La ricerca è stata finanziata dalla Reeve Foundation, la fondazione voluta dallo scomparso attore di `Superman`, Christopher Reeve, paralizzato dopo una caduta da cavallo, oltre che dai National Institutes of Health.  



Vedi allegato
 
04.04.2014
Le carezze calmano il cuore, il potere delle coccole Un effetto già noto da tempo, ora si sa che è innato

Da: RICERCA

I neonati sono da subito sensibili alle carezze e reagiscono ad uno stimolo tattile gentile con il rallentamento del ritmo cardiaco e la loro sensibilità a questo tipo di stimoli sembra corrispondere a quella dei genitori, come fosse una dote innata e ereditaria. Lo dimostrano gli esperimenti condotti da Merle Fairhurst del the Max Planck Institute for Human Cognitive and Brain Sciences a Leipzig i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Psychological Science. Nella pratica clinica dei reparti di neonatologia è noto il `potere terapeutico del contatto dei nati prematuri con la propria mamma. Gli esperti tedeschi hanno voluto studiare l`effetto di stimoli tattili di vario tipo sulla pelle di neonati: i piccoli erano tenuti sulle gambe di un genitore e gli psicologi sfioravano il loro braccio con un pennello a differenti velocità. Le reazioni corporee dei piccoli sono state valutate con vari strumenti, misurando ad esempio il ritmo cardiaco del neonato. I bimbi sono risultati sensibili a stimoli tattili gentili simili a quelli di una carezza (ottenuti sfiorando il loro braccio col pennello a media velocità). I ricercatori sostengono che la capacità di percepire ed essere sensibile al tocco piacevole di una carezza è vitale sin dai primi mesi di vita per il bambino a causa del ruolo fondamentale che gioca il contatto fisico nell`avvicinamento, nella formazione del legame affettivo genitore-bebè e nella sincronia che si stabilisce tra i bambini e genitori. 



Vedi allegato
 
02.04.2014
Problemi agli occhi per `overdose di smartphone l`allarme degli ottici GB

Da: MEDICINA

La passione per gli smartphone rischia di tradursi in un aumento di problemi agli occhi, specie per i giovanissimi. A mettere in guardia da un uso eccessivo di cellulari e dispositivi come computer, tablet e televisori a schermo piatto sono gli ottici britannici, forti di un sondaggio su 2.000 persone. Ebbene, gli `under 25` sembra che ormai controllino il telefonino 32 volte al giorno. "La luce blu-viola è potenzialmente dannosa e tossica per la parte posteriore dell`occhio - ha detto l`ottico Andy Hepworth alla Bbc online - E la combinazione di un dispositivo luminoso troppo vicino e del fatto di non strizzare gli occhi abbastanza affatica la vista". "Così, alla lunga, si possono danneggiare gli occhi". Test hanno rilevato che l`iper-esposizione alla luce blu-viola ha il potenziale di aumentare il rischio di degenerazione maculare, una delle principali cause di cecità. Inoltre, secondo gli ottici, un eccesso di luce blu-viola può creare problemi di sonno e influire sullo stato d`animo. Il sondaggio, commissionato da un gruppo di ottici indipendenti, mostra che in media un adulto trascorre quasi sette ore al giorno a fissare uno schermo, e quasi la metà è in ansia se sta troppo a lungo lontano dal cellulare. Il consiglio degli esperti Gb è semplice: evitare l`overdose e riposare gli occhi, spegnendo il cellulare per un po’. 



Vedi allegato
 
01.04.2014
Identificato nuovo gene che causa la Sla, studio italiano: in copertina su `Nature neuroscience`

Da: RICERCA

E` stato identificato da un gruppo di ricercatori italiani un nuovo gene principale causa della sclerosi laterale amiotrofica, o morbo di Lou Gehrig. Il gene, denominato Matrin3 e localizzato sul cromosoma 5, è stato scoperto in diverse ampie famiglie con più membri affetti da Sla e da demenza frontotemporale. I risultati di questa ricerca sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista `Nature Neuroscience` che ha dedicato la copertina alla scoperta.  Gli autori sono un gruppo di ricercatori italiani del consorzio Italsgen (che riunisce 14 centri universitari e ospedalieri italiani che si sono uniti per la lotta contro la Sla), coordinati da Adriano Chio` (Centro Sla del Dipartimento di Neuroscience `Rita Levi Montalcini` dell`ospedale Molinette della Città della Salute e della Scienza e dell’Università di Torino), Gabriella Restagno (Laboratorio di Genetica molecolare dell`Azienda ospedaliero universitaria Città della Scienza e della Salute di Torino) e Mario Sabatelli (dell`Istituto di Neurologia - Centro Sla dell’Università Cattolica-Policlinico A. Gemelli di Roma), in collaborazione con il neurologo Bryan Traynor (Nih di Bethesda, Washington).  La scoperta di un nuovo gene implicato nell`eziologia della Sla fornisce informazioni fondamentali per l`identificazione dei meccanismi della degenerazione dei motoneuroni e avvicina la possibilità di nuove terapie mirate, grazie all`individuazione di vie cellulari suscettibili di interventi terapeutici.   



Vedi allegato
 
31.03.2014
L`eterna lotta dell`uomo contro le infezioni, le impronte nel dna studio italiano su evoluzione difese immunitarie, speranza per nuove cure

Da: RICERCA

Dalla peste bubbonica alla pandemia di influenza Spagnola, fino all`epidemia di Aids. Virus e batteri hanno segnato nei secoli la storia dell`uomo, anche decidendo l`esito di guerre o decretando i destini di intere popolazione. Una battaglia senza fine che ha lasciato le sue tracce nel Dna. A seguire le `improntè dell`eterna lotta fra l`uomo e le infezioni è uno studio italiano sull`evoluzione della risposta immunitaria, pubblicato su `Plos Genetics` e frutto della collaborazione tra gli Irccs `Eugenio Medeà di Bosisio Parini (Lecco) e Fondazione Don Gnocchi, università degli Studi e università Bicocca di Milano. Le infezioni - ricordano gli autori - hanno rappresentato un`importante pressione selettiva, agendo come un `setacciò che ha permesso di sopravvivere e riprodursi solo a chi fosse geneticamente meglio `equipaggiato per farvi fronte. Il punto di partenza dello studio è che questa selezione naturale lascia delle `ormè, che possono essere identificate attraverso metodiche di evoluzione molecolare. Individuare queste tracce significa comprendere quali geni e varianti sono stati selezionati per rispondere meglio a una o più infezioni. I ricercatori hanno quindi cercato le impronte lasciate dalla selezione naturale in geni che cooperano a un processo noto come `presentazione dell`antigene: in sostanza la fase iniziale della risposta immune, il meccanismo che ci protegge dalle infezioni stesse. "La storia della nostra specie è scritta anche nel nostro genoma - sottolineano gli scienziati - Saperla leggere può aiutarci a comprendere come abbiamo combattuto i nostri peggiori nemici, chi sia oggi più vulnerabile ad alcune malattie e quali siano i migliori bersagli molecolari per lo sviluppo di nuove terapie". 

 



Vedi allegato
 
25.03.2014
Ernia del disco incombe su 4 italiani su 5, i consigli del Cismer: diffuse soprattutto tra i 35 e i 45 anni

Da: MEDICINA

Le ernie discali rappresentano un`anomalia della colonna vertebrale molto diffusa: più di 4 italiani su 5 hanno, o avranno, problemi di ernia del disco nella propria vita, con sintomi che variano da un dolore lombare blando ad uno acuto. La fascia d’età più colpita? Quella tra i 35 e i 45 anni, quando il nucleo centrale è ancora ben idratato e gelatinoso. Con l`avanzare dell’età, invece, il nucleo polposo cambia: si disidrata progressivamente, riducendo così il rischio di formazione di ernie.  Sono quattro le tecniche utilizzate per risolvere il problema: intervento percutaneo, endoscopica, microchirurgica, e microchirurgica strumentata, con supporti strumentali, ossia gli spaziatori. "Tutte le patologie della colonna - sostiene Pier Vittorio Nardi, presidente dell`associazione Chirurgia italiana spinale mininvasiva e robotica (Cismer) - originano dalla degenerazione discale lombare precoce che nel tempo peggiora gradatamente diventando l`anticamera delle successive erniazioni. Ecco perché` trattare la degenerazione discale vuol dire prevenire l`evoluzione patologica dei dischi, tra le nuove possibilità l`utilizzo delle membrane amniotiche iniettabili per via percutanea in anestesia locale nei dischi, caratterizzate da un mixed di fattori di crescita e cellule stromali, consente la rigenerazione e protezione dei dischi, anche se al momento la durata protettiva sembrerebbe durare circa 1-2 anni".  E il rischio di recidiva è elevato: "Nell`80% dei casi - aggiunge Nardi - si tende a curare l`ernia al disco in modo conservativo, attraverso la fisioterapia, farmaci e stili di vita più attenti. Ma un`ernia seguita in questo modo non assicura un risultato a lungo termine: è stato certificato, infatti, che a distanza di un anno e mezzo, a seconda della gravità dell`ernia, i problemi tornano a farsi sentire nel 30% dei casi". Un ruolo cruciale per prevenire le ernie discali lo rivestono l’attività fisica e il fitness, ma occorre essere seguiti da personale specializzato, utilizzando anche cinture apposite.



Vedi allegato
 
21.03.2014
Supercomputer Watson cercherà terapie personalizzate cancro Progetto del New York Genome Center, elaborerà le sequenze Dna

Da: Oncologia

Presto gli oncologi potrebbero avere un collega `virtuale` al proprio fianco per scegliere la terapia da usare. Il supercomputer Watson della Ibm, divenuto famoso per aver vinto un gioco a quiz, sarà impiegato in un progetto con il New York Genome Center a caccia di una terapia personalizzata per 20 pazienti con glioblastoma, un tumore al cervello molto aggressivo le cui vittime sopravvivono al massimo 12-14 mesi. Il supercomputer elaborerà i dati ottenuti dalla sequenza del Dna dei tumori dei pazienti, oltre che di quello dei pazienti stessi, confrontandole con il suo database che comprende tutta la letteratura scientifica oltre che informazioni su singoli casi. Partendo dalle mutazioni trovate nei tumori l`intelligenza artificiale cercherà di capire attraverso gli studi scientifici come queste influiscono sulle cellule, se ci sono stati altri tumori con caratteristiche genetiche simili e come sono stati trattati, un lavoro che richiederebbe settimane a un genetista. ``E` come cercare un ago in un pagliaio - ha spiegato John Kelly, direttore della ricerca Ibm - con un pagliaio enorme``. Il risultato dovrebbe essere una serie di ipotesi di terapia personalizzata tra cui i medici poi sceglieranno quella più adatta. La scelta e gli esiti sui pazienti saranno poi reimmessi nel computer che imparerà dall`esperienza. "Da quando è stato sequenziato il primo Dna più di dieci anni fa abbiamo accumulato una grande massa di dati - ha spiegato Robert Darnell, direttore del New York Genome Center, un consorzio di ricercatori -. La sfida ora è capire come usarli per migliorare i trattamenti". 



Vedi allegato
 
20.03.2014
Epidemia dolce tra bimbi italiani, troppo zucchero per 90% livelli massimi già prima dell`anno di vita, tra i rischi obesità, diabete e carie

Da: MEDICINA

`Basta un poco di zucchero e la pillola va giù`. Il motto di Mary Poppins ha conquistato generazioni di bimbi, e di mamme. Che troppo spesso lo applicano alla lettera, con il risultato che in Italia 9 bambini su 10 consumano troppo zucchero già prima di compiere 1 anno. I livelli assunti ogni giorno sono ai massimi consentiti già nei primi 12 mesi di vita. Un``epidemia dolce che rischia di allevare un esercito di potenziali obesi, diabetici, cardiopatici e con i denti malati. Lo dimostra lo studio Nutrintake, condotto da Gianvincenzo Zuccotti, direttore Clinica pediatrica dell`ospedale Sacco-università degli Studi di Milano, su un campione di oltre 400 bambini della Penisola dai 6 ai 36 mesi. "La preferenza per il gusto dolce è innata e contribuisce ad influenzare le preferenze alimentari per tutta la vita", avverte Claudio Maffeis, professore associato di Pediatria all`università di Verona. Ma se è vero che "gli zuccheri sono fondamentali per la crescita e il sostentamento quotidiano", va sottolineato che "la nostra dieta ha già a disposizione tanti alimenti naturalmente dolci che aiutano ad assecondare il gusto dei bambini senza forzature". Invece "spesso tendiamo ad addolcire eccessivamente gli alimenti e a preferire cibi ricchi di zuccheri. Questi errori, se diventano abitudini, possono influenzare negativamente la salute futura dei bambini". Rischi confermati anche da una ricerca dei Cdc americani, pubblicata di recente su `Jamà, che dimostrano la correlazione tra eccesso di zuccheri e comparsa di malattie cardiovascolari gravi. "Gli zuccheri - ricorda Maffeis - sono di due tipi: semplici, tipicamente il cucchiaino di saccarosio che aggiungiamo, e complessi, prevalentemente amidi. Gli zuccheri semplici rilasciano energia immediata, mentre quelli complessi danno energia con gradualità. È soprattutto con gli zuccheri semplici, aggiunti agli alimenti, che tendiamo ad eccedere per i nostri bambini. Se pensiamo che in natura non esistono carboidrati a rilascio immediato, ci rendiamo conto di quanto possa essere opportuno limitare l`aggiunta di zucchero. Anche la frutta, naturalmente dolce, fornisce in realtà un complesso di zuccheri `buon che portano con sé altre importanti sostanze quali fibre, vitamine, minerali eccetera, con un valore nutritivo ben superiore a quello fornito dal solo fruttosio in essa contenuto".

 



Vedi allegato
 
19.03.2014
Infezioni, 8 mln persone muoiono ogni anno per sepsi nel mondo ogni episodio costa 25mila euro

Da: MEDICINA

Le infezioni gravi sono ancora un serio problema sanitario. Ogni anno, nel mondo, 27 milioni di persone sviluppano una sepsi e di queste circa 8 milioni muoiono. La sepsi, infatti, fa più vittime del cancro alla prostata, del tumore al seno e dell`Hiv messi insieme. Sono solo alcuni dati ricordati dagli esperti nel corso dell`incontro - all`interno del congresso internazionale sulle cure intensive e l`emergenza in medicina, aperto a Bruxelles - dedicato allo sviluppo di una tecnologia rapida, a cui lavora la Abbot, per l`identificazione di più patogeni in un solo test. La mortalità legata alla sepsi, indicano i dati, è più alta del 51-65% in Europa rispetto agli Stati Uniti. E secondo le stime di alcuni studi europei ogni episodio costa al sistema sanitario circa 25mila euro; nei reparti di terapia intensiva un degente costa sei volta di più rispetto a un paziente senza sepsi. Nei Paesi in via di sviluppo la sepsi causa dal 60 all`80% delle morti nei bambini. Uno dei problemi è che i sintomi di questa condizione, avvertono gli esperti, possono essere confusi con quelli di altre patologie, ed è per questo difficile diagnosticare il problema in fase iniziale 



Vedi allegato
 
19.03.2014
Sintetizzato cuore battente, verso cerotti post-infarto toppe hi-tech con nuovo gel elastico, promessa jolly in medicina rigenerativa

Da: RICERCA

Un tessuto sintetico che riproduce fedelmente il muscolo battente, da utilizzare un giorno come `toppa sul cuore infartuato. Il materiale è già pronto; sembra funzionare non solo in provetta, ma anche nelle cavie da laboratorio, ed è in attesa di essere testato su animali di dimensioni maggiori. Il `cuore in provetta viene presentato a Dallas, dove è in corso il 247° National Meeting & Exposition dell`American Chemical Society (Acs). Lo hanno messo a punto gli scienziati del Brigham and Woman`s Hospital-Harvard Medical School di Boston e dell`università di Sydney in Australia, riuscendo a combinare un nuovo idrogel dotato di proprietà elastiche con una tecnologia miniaturizzata in grado di creare un tessuto cardiaco che mima le proprietà meccaniche e biologiche del cuore vero. Per prima cosa, gli scienziati hanno sintetizzato una nuova famiglia di gel utilizzando una proteina elastica umana chiamata tropoelastina. Questo materiale, però, doveva essere `modellato perché assumesse la giusta architettura. Per farlo, i ricercatori hanno sfruttato le nuove metodiche di stampa in 3D e tecniche di microingegneria, che hanno permesso di ottenere piccoli `cerotti di cellule organizzate in modo da battere in sincronia all`interno dell`idrogel elastico. "I nostri cuori sono ben più di un cumulo di cellule messe una sull`altra - spiega infatti Ali Khademhosseini, che insieme a Nasim Annabi ha fabbricato il nuovo materiale - Sono organizzate in un`architettura particolare" che gli studiosi sono riusciti a copiare. Le nuove toppe elastiche potranno essere impiegate anche per rigenerare altri tessuti: dai vasi sanguigni ai muscoli scheletrici, dalle valvole cardiache alla pelle vascolarizzata.



Vedi allegato
 
18.03.2014
Stile di vita e dieta contro le `malattie non trasmissibili` Medici e diabetologi, dal 5/4 tour della prevenzione in 30 città

Da: INIZIATIVE

Basterebbe modificare il nostro `stile di vita`, con un` alimentazione più sana e una moderata attività fisica per prevenire le `malattie non trasmissibili` responsabili nel mondo dell`80% delle morti e del 70% delle disabilità. Per questo i medici di famiglia, hanno promosso la 2/a edizione di `visitiamo la tua città`, tour che toccherà le piazze di 30 città, soprattutto del centro e del sud d`Italia. Delle malattie non trasmissibili - spiega Claudio Cricelli, Presidente della Società Italiana di Medicina Generale (Simg) - fanno parte obesità e sovrappeso, ipertensione, dislipidemie (troppo colesterolo e trigliceridi), che a loro volta causano diabete, malattie cardiovascolari, renali, respiratorie, tumori. In questo progetto educativo, la Simg sarà affiancata dall` Associazione Medici Diabetologi (Amd) e godrà del contributo non condizionato di Doc Generici. I diabetologi entrano nel `tour` per contribuire ad abbassare il rischio di una malattia la cui diffusione è aumentata del 60% negli ultimi 20 anni - spiega Antonio Ceriello, presidente Amd - che vede oggi 5 milioni di italiani diabetici (8% della popolazione), di cui la metà non sa di esserlo. Senza dimenticare l`alta prevalenza dei soggetti sovrappeso e obesi, pari al 35,5% e al 9,9%. Soprattutto al Sud. Il tour partirà il 5 aprile da Cagliari e proseguirà il 7 a Trapani, facendo tappa in altri quattro capoluoghi della Sicilia, per poi risalire la Penisola attraverso le città di Calabria, Basilicata, Puglia, Campania, Lazio, Umbria, Abruzzo, Marche, Toscana, dove il 15 maggio si concluderà, a Empoli. Nelle piazze di queste città saranno montati piccoli `villaggi della salute` (tendoni, camper), dove i cittadini compileranno un questionario sulle abitudini quotidiane, per una valutazione del loro `stile di vita`. Infermiere professioniste misureranno il rischio cardiovascolare e li indirizzeranno al colloquio col medico o il diabetologo. 



Vedi allegato
 
17.03.2014
Al via studio su impatto dipendenza da web nelle università schiavo di internet o giochi 1 italiano su 10

Da: MEDICINA

Un progetto per valutare l`impatto delle dipendenze da Internet dei giovani italiani, con il coinvolgimento degli studenti universitari di Pisa, Napoli e Brescia. Lo ha elaborato Donatella Marazziti, docente di psichiatria all`università degli Studi della città pisana. "Si tratta della prima, grande campionatura italiana su una popolazione universitaria così vasta. Cercheremo di capire - afferma in una nota Marazziti - attraverso la somministrazione di questionari realizzati con metodi scientifici, il grado di dipendenza dalla rete dei nostri giovani, per comprendere meglio la differenza e i confini tra utilizzo professionale o ludico di Internet e impossibilità di liberarsi dalla sua morsa". "Le dipendenze non chimiche - aggiunge Marazziti - riguardano ormai un decimo della popolazione, considerando l`aumento esponenziale della ludopatia". Al progetto ha collaborato Mario Campanella, in libreria in questi giorni con `Maladolescenza quello che i figli non dicono (Piemme edizioni). "Voglio ringraziare Giovanni Serpelloni, capo del Dipartimento politiche antidroga - conclude Marazziti - che ha sostenuto l`idea". 



Vedi allegato
 
14.03.2014
Giornata mondiale rene, rischi per troppe proteine nel piatto Colpiti 5 mln di italiani, prevenzione con dieta corretta

Da: INIZIATIVE

Reni a rischio per troppe proteine, fosforo e potassio, consumati con l`alimentazione. Le patologie renali colpiscono 5 milioni di italiani ma si possono prevenire anche con una corretta dieta, sostengono gli specialisti della Associazione nazionale dei dietisti (Andid) che, in occasione della giornata mondiale su rene che ricorre oggi, elencano le regole da adottare per mantenere una sana funzionalità renale. Frutta e verdura in abbondanza, raccomanda l`Andid, e ad ogni pasto includere cereali sia bianchi che integrali; cucinare la pasta con sughi semplici di verdure e a tavola preferire pane senza sale e senza olio e i biscotti secchi. Consumare 2 volte alla settimana zuppe di legumi ricchi di minerali e vitamine, come piatto unico. Evitare doppi `secondi` di carne, pesce, uova, formaggi, salumi. Il pesce 2-3 volte la settimana, formaggi o latticini al massimo 2-3 volte settimanali. Olio extravergine di oliva come condimento a crudo e usare utensili che riducono la quantità di grasso dei cibi in cottura. "La dieta ipoproteica è fondamentale anche durante i trattamenti sostitutivi con dialisi o trapianto, oltre che monitorare l`apporto di liquidi, potassio e fosforo - sottolinea Anna Laura Fantuzzi, segretario dell`associazione.

 



Vedi allegato
 
12.03.2014
Alzheimer: "placche silenti" indicano rischio declino cognitivo

Da: RICERCA

 L`imaging del cervello tramite colorante radioattivo aiuta a individuare precocemente quei segni dell`Alzheimer che potrebbero predire il futuro declino cognitivo fra adulti con lieve o assente peggioramento cognitivo. Lo studio della Duke University è stato pubblicato sulla rivista `Molecular Psychiatry`. L`identificazione delle placche beta-amiloidi silenti che si sviluppano nel cervello potrebbe aiutare i medici nelle decisioni terapeutiche per i pazienti a rischio di Alzheimer. "La nostra ricerca - ha spiegato P. Murali Soraiswamy, fra gli autori dello studio - ha mostrato che gli adulti in salute e quelli con lievi perdite mnemoniche che risultano positivi allo scan cerebrale per queste placche hanno un declino della memoria, del linguaggio e del ragionamento più veloce nel giro di tre anni". Lo studio ha coinvolto 152 adulti con minimo 50 anni di età.

 


Vedi allegato
 
10.03.2014
Aifa su Lucentis-Avastin, massina cautela a tutela pazienti, azioni legali contro chi ha collegato agenzia con intesa collusiva aziende

Da: Sanità

Dai dati chiesti alle Regioni sui pazienti trattati con Avastin per uso oftalmico "è emerso un quadro di preoccupante incertezza legato alla evidente difficoltà nel raccogliere i dati di sicurezza relativi a queste molecole nell`uso oculare. Quindi, a fronte delle raccomandazioni restrittive da parte dell`Ema e in mancanza di studi comparativi adeguati", l`Agenzia italiana del farmaco "non ha potuto fare altro che ribadire la posizione di massima cautela finalizzata all`esclusiva tutela della salute dei pazienti". Ci tiene a sottolinearlo la stessa Aifa, con una serie di precisazioni regolatorie sul caso Lucentis-Avastin, dopo la sanzione pecuniaria decisa dall`Antitrust e la bufera scoppiata sulle aziende Roche e Novartis per il presunto accordo a favore del farmaco più caro. Pur essendo "certa di aver chiarito la verità dei fatti dal punto di vista regolatorio", l`Aifa, "in considerazione di talune dichiarazioni effettuate nei propri confronti, agirà nelle sedi competenti per la tutela dei propri diritti nei confronti di chi ha collegato l`intesa collusiva tra due imprese farmaceutiche accertata dall`Antitrust, che in sé non coinvolge la responsabilità dell`Aifa, nè tale circostanza emerge dalla decisione dell`Autorità garante". L`agenzia specifica ancora che "quale autorità regolatoria del farmaco, infatti, non ha né i poteri nè gli strumenti in possesso dell`Antitrust per prevenire e contrastare i comportamenti da quest`ultima sanzionati. Nè si comprende come si possa ricollegare direttamente il comportamento elusivo delle aziende con l`ipotesi di episodi di corruzione che possano coinvolgere, più o meno direttamente, l`Agenzia. Nel frattempo, da tutti gli attori sociali sarebbe auspicabile responsabilità e rispetto delle evidenze giuridiche. È per l`onore delle Istituzioni. Tutte. Anche di quelle da cui si dissente, legittimamente", si sottolinea in una lunga nota sul sito Internet dell`Aifa.

 



Vedi allegato
 
10.03.2014
Cuore sano tra alimentazione e informazione online, congresso SIPREC

Da: MEDICINA

Dall`Expo 2015 all`informazione che viaggia online. Anche di questo si è parlato al XII Congresso nazionale della Società italiana per la prevenzione cardiovascolare (Siprec). Partendo dallo slogan `Nutrire il Pianeta - Energia per la Vità sono stati affrontati diversi temi: dalla nutrizione alla dieta mediterranea, dal biomediterraneo al ruolo che una società scientifica come la Siprec può avere nell`Expo 2015, fino agli scenari futuri che questa manifestazione internazionale è in grado di aprire. Sul tavolo del confronto anche il ruolo di una corretta informazione medico-scientifica, che può favorire uno stile di vita più sano, e le modalità per aiutare il cittadino-paziente a districarsi tra le tante notizie presenti in rete. Si è discusso di come il fenomeno del `Dottor Web` abbia cambiato il rapporto medico-paziente, di come un messaggio di prevenzione debba essere strutturato per essere in target con il web e i social network e di quali siano gli errori da evitare. Sono stati illustrati, inoltre - spiega ancora una nota - gli strumenti di comunicazione che la Siprec utilizza per informare i pazienti: dalle campagne sui tradizionali mezzi di comunicazione e sul web, agli aggiornamenti a disposizione del cittadino sul sito internet www.siprec.it e sui più moderni social network quali facebook, twitter e instagram. Tra le iniziative portate avanti dalla Siprec, la realizzazione di un concorso che ha visto gli studenti del Corso di semiotica dei media della Luiss - Università Guido Carli di Roma, misurarsi in una campagna di comunicazione web based, con l`obiettivo di diffondere tra i cittadini la conoscenza dei progetti e della mission della società scientifica. Il progetto vincitore del Premio intitolato Marcello Santoro - La prevenzione in un clik è `Campagna di comunicazione <3`, che ha ricevuto il riconoscimento nel corso della Cerimonia inaugurale del congresso da Bruno Trimarco, presidente della Siprec e direttore della cattedra e Divisione di Cardiologia, Dipartimento di Scienze mediche avanzate dell`università di Napoli Federico II. 

 



Vedi allegato
 
05.03.2014
Scoperto interruttore per rigenerare cellule cuore. Consente la divisione cellulare che normalmente si ‘spegne’ dopo la nascita

Da: MEDICINA

Scoperto un interruttore molecolare che apre la strada alla rigenerazione del tessuto cardiaco danneggiato dall`infarto. Il tutto senza l`impiego di cellule staminali. In uno studio eccezionale, che ha avuto inizio su una coppia di fratellini con un raro difetto cardiaco, i ricercatori della Johns Hopkins University hanno identificato un interruttore molecolare che regola la divisione cellulare del cuore, e che normalmente la `spegne’ intorno al momento della nascita. La ricerca, scrivono gli scienziati su `Nature Communications`, potrebbe essere utile per `riattivare’ il processo selettivamente, e rigenerare il tessuto cardiaco danneggiato.  "Questo studio offre la speranza che si possa trovare un modo per ripristinare la capacità delle cellule del cuore di dividersi in risposta a una lesione e aiutare i pazienti a riprendersi da vari tipi di disfunzione cardiaca", spiega il cardiologo Daniel P. Judge, direttore del Johns Hopkins Heart and Vascular Institutès Center for Inherited Heart Disease. "Normalmente i problemi si risolvono in molte parti del corpo attraverso la divisione cellulare, fatta eccezione per cuore e cervello. Sebbene un altro lavoro abbia generato entusiasmo circa la possibilità di trattamento con le cellule staminali, la nostra ricerca indica una direzione completamente diversa da perseguire per riparare dall`interno un cuore danneggiato".  A differenza di molte altre cellule del corpo, che muoiono e nascono continuamente, quelle cardiache raramente si dividono dopo la nascita. Quando sono danneggiate da infarto, infezioni o altro, insomma, il danno è irreparabile. La scoperta è emersa dall`individuazione di una mutazione genetica che sembra consentire, in casi molto rari, alle cellule cardiache di continuare a replicarsi. La storia di questa scoperta è iniziata con due fratelli, nati a distanza di anni, ma a cui nelle prime settimane di vita è stata diagnosticata un`insufficienza cardiaca. Uno ha subito un trapianto di cuore a tre mesi, l`altro a cinque mesi. Quando i patologi hanno esaminato i cuoricini danneggiati dopo l`espianto, hanno scoperto che le cellule del cuore dei neonati avevano continuato a dividersi, un processo che non doveva verificarsi alla loro età. Così il team ha indagato sulle anomalie che poteva spiegare il fenomeno, analizzandone il genoma. Un elemento balzava agli occhi degli studiosi: il gene Alms1 era presente in due copie anomale in ciascun fratellino.  I ricercatori della Johns Hopkins hanno contattato i colleghi dell`Hospital for Sick Children di Toronto, in Canada, che avevano rilevato la stessa proliferazione delle cellule del cuore in cinque baby pazienti, tra cui alcuni fratelli. L`analisi genetica ha mostrato che quei bambini avevano mutazioni nello stesso gene Alms1: questo sembra causare una carenza della proteina che induce le cellule del cuore a smettere di dividersi nei tempi previsti. Una divisione cellulare `impazzita’oggi responsabile, spiegano gli scienziati, dei danni al cuore dei piccoli. In ulteriori esperimenti i ricercatori della Johns Hopkins hanno coltivato cellule cardiache di topo, per poi spegnere il gene Alms1. Rispetto agli animali normali, questi hanno visto aumentare del 10% il numero di cellule del cuore. Un risultato confermato da ricerche fatte dai colleghi del Jackson Laboratory nel Maine, che hanno allevato topi transgenici portatori della mutazione nel mirino. La proliferazione cellulare alla fine si è fermata negli animali mutati, dice Judge.  Secondo lo studioso la conoscenza precisa del ruolo della mutazione dovrebbe aprire la strada a sistemi per favorire la rigenerazione del tessuto del muscolo cardiaco in modo controllato. Ma il cammino è ancora lungo. "I bambini che ci hanno aiutato a riconoscere l`importanza di questo gene sono nati con una rara condizione che porta a insufficienza cardiaca e molti altri problemi, come il diabete, l`obesità, la cecità e sordità. Ora - conclude - speriamo di applicare queste scoperte per aiutarne milioni di altri con malattie cardiache".  

 



Vedi allegato
 
04.03.2014
Usa, speranze contro morbo Gehrig da farmaco anti-ictus. Per ‘malattia dei calciatori’ lavoro promettente su topi

Da: RICERCA

Un farmaco sperimentale, usato contro l`ictus, potrebbe essere la svolta per chi è affetto da Sla (sclerosi laterale amiotrofica) o morbo di Gehrig, dal nome del giocatore statunitense di baseball che fu la prima vittima accertata di questa patologia (morto nel 1941 a 38 anni). A stabilirlo è una ricerca del Zilkha Neurogenetic Institute dell`Università della California pubblicata su `Pnas`.  La Sla determina una perdita dei motoneuroni spinali, bulbari e corticali, con conseguente compromissione delle funzioni motorie. L`incidenza di questa tipologia di sclerosi è di circa 1,5-2 casi l`anno ogni 100 mila persone. Negli ultimi anni c`è stato un aumento di frequenza in alcuni sport, ad esempio il calcio e il football americano, ma non è stato ancora chiarito il motivo di questo fenomeno. I ricercatori hanno trovato, nei topi, che il danno vascolare degli animali affetti da Sla contribuisce allo sviluppo precoce della malattia neurodegenerativa, mentre un intervento farmacologico può ritardi i danni. "Sia le persone che i roditori transgenici affetti da questa malattia sviluppano spontaneamente un problema alla barriera ematospinale (la cui funzione è quella di proteggere il tessuto cerebrale dagli elementi nocivi presenti nel sangue) - spiega Berislav Zlokovic, autore del lavoro - ma non sappiamo come queste lesioni microscopiche influenzino lo sviluppo della malattia".  "In questo studio - aggiunge lo scienziato - siamo riusciti a dimostrare che, ripristinando l`integrità della barriera, si può ritardare la degenerazione dei motoneuroni. Un farmaco sperimentale, attualmente allo studio sui pazienti colpiti da ictus, sembra proteggere nei topi l`integrità della barriera e ritardarne la compromissione e la degenerazione". Il farmaco, 3K3A - APC , è stato sviluppato da una `start-up` biotecnologica creata da Zlokovic, la `ZZ Biotech`. 



Vedi allegato
 
25.02.2014
Malattie rare: Iss, con ‘videofavola’ bambini raccontano fragilità e integrazione. Online sul portale del Ministero della Salute

Da: Sanità

Le malattie rare scoperte e raccontate dai bambini attraverso la fiaba, il confronto, i colori, l`arte. È la videofavola ‘Con gli occhi tuoi’, un articolato progetto dell`Istituto superiore di sanità per Uniamo Fimr onlus, frutto di un impegno corale, oltre che dei bambini di due classi elementari, di diverse istituzioni, che da domani sarà online sul portale del ministero della Salute. L`iniziativa, è infatti promossa dal dicastero di Lungotevere Ripa e realizzata in collaborazione con l`ospedale pediatrico Bambino Gesù e il ministero dell`Istruzione, Università e Ricerca, e con il patrocinio del Centro per la Pastorale della Salute del Vicariato di Roma.  Si tratta di un`esperienza-pilota che potrà essere ripetuta in tutte classi. Anche per questo la favola e i materiali, compresa una Guida all`uso per i docenti, saranno disponibili da domani sul portale del ministero. ‘Con gli occhi tuoi’ è una favola d`autore, nata dalla fantasia dei bambini che, insieme con l`artista Vera Puoti che ha rielaborato per Uniamo i loro disegni, hanno inventato le trame. Dalla fantasia di giovani alunni di II e III elementare è nata una storia - con finali differenti e che lascia spazio alla rielaborazione - per grandi e piccoli che affronta il tema dell`inclusione e dell`integrazione attraverso la vicenda di un bambino fragile divenuto eroe grazie alla musica e ai suoi amici. La favola è interamente realizzata dai bambini per i bambini. Oltre che dagli allievi delle classi ‘Ermenegildo Pistelli’ e ‘Giacomo Leopardi’ di Roma, le musiche del video sono state eseguite dagli allievi della Scuola di musica ‘Sylvestro Ganassi’.  "Al nostro telefono verde arrivano tante telefonate sul disagio che provano i bambini malati nei contesti sociali, nelle diverse comunità - afferma Domenica Taruscio, direttore del Centro nazionale delle malattie rare dell`Iss - La scuola è uno degli scogli più difficili da affrontare per questi bambini, ma spesso le difficoltà cominciano proprio dagli altri genitori e dalla paura che genera la condizione di malattia ed è per questo che, accanto alla ricerca, che è la nostra principale attività, cerchiamo di promuovere anche tutto ciò che intorno a queste persone crea un tessuto di solidarietà e accoglienza perché la loro invisibilità non sia per loro l`ennesima ferita". Uniamo ha portato i malati nelle classi, attraverso le associazioni, e ha fatto in modo che i bimbi potessero ascoltare una storia vera, creare empatia, perché i laboratori partissero da un`esperienza reale e i bambini fossero spinti a elaborare una relazione reale e non un racconto astratto.  "Abbiamo cercato di spiegare ai bambini cosa volesse dire essere orfani di una cura e persino di una diagnosi, del nome di una malattia - spiega Renza Barbon Galluppi, presidente di Uniamo - perché la scuola è una delle palestre d`inclusione sociale più importante e perché una comunità scolastica che impara ad accogliere e a sostenere è una comunità che non solo accoglie il bambino il malato, ma aiuta l`intera famiglia a sostenere il peso della patologia". Un messaggio condiviso anche dal Vicariato di Roma che ha patrocinato il progetto e ha seguito le fasi di realizzazione dei testi.  La presentazione ufficiale della videofavola è prevista mercoledì 26 febbraio all`Iss, dove sarà illustrato il metodo con cui sono stati realizzati i laboratori interdisciplinari e saranno premiate le classi che hanno realizzato il progetto pilota. Inoltre, la Fondazione W Ale Onlus, grazie a un accordo con Marcello Pittella, presidente della Regione Basilicata, distribuirà in tutte le scuole primarie della regione la versione cartacea e il dvd della videofavola e promuoverà in modo attivo l`adozione del kit didattico e del percorso formativo nelle classi. 

 


Vedi allegato
 
25.02.2014
Nasce algoritmo `made in Italy` per ipertensione. Valuta andamento pressione, primo al mondo nel suo genere

Da: MEDICINA

Da oggi valutare l`andamento e la storia ‘pressoria’ di un paziente, e ottimizzare le cure di chi soffre di ipertensione non è più un problema, grazie ad un innovativo algoritmo, elaborato da QuasarMed e introdotto nei servizi AmicoMed. Pascal, questo è il nome dell`algoritmo - chiamato così in onore del fisico cui si deve l`unità di misura della pressione - è il primo al mondo nel suo genere ed è in grado di interpretare l`andamento della pressione nel tempo: ogni volta che l`utilizzatore inserisce una misura, Pascal analizza quella misura e la confronta anche con tutte le misurazioni precedenti, fornendo deduzioni cliniche che aiutano a individuare specifici trend nell`evoluzione della pressione e quindi a meglio prevenire e curare l`ipertensione.  L`algoritmo `made in Italy` ha ottenuto la validazione della Società italiana dell`ipertensione arteriosa (Siia) e, lo scorso 3 dicembre, è stato marcato CE come dispositivo medico di Classe IIa (la medesima classe cui appartengono, ad esempio, i misuratori di pressione). A testimonianza della bontà e dell`innovatività del progetto, è già stata depositata domanda di brevetto per la metodologia su cui si fonda l`algoritmo. L`algoritmo "è il risultato dell`impegno di cardiologi, bioingegneri e sviluppatori di software nel tradurre l`esperienza clinica in complessi calcoli matematici - chiarisce Giangiacomo Rocco di Torrepadula, amministratore delegato di QuasarMed - è da qui che nasce il processo di simulazione della deduzione clinica che tiene conto degli stati influenzanti gli andamenti pressori e della rilevanza dei fenomeni di oscillazione della pressione stessa".  Oltre a raffinare continuamente il proprio giudizio sulla base di quante più misure ha a disposizione e, in caso di situazioni di rischio, ad avvisare tempestivamente l`utilizzatore, Pascal va oltre identificando eventuali anomalie nei trend, che possano essere indici di fenomeni pressori anomali o indicatori di tendenze verso situazioni ipertensive che possono essere così gestite, e spesso evitate, precocemente.

 



Vedi allegato
 
24.02.2014
Guardando s`impara, visione filmati migliora performance cervello

Da: RICERCA

Guardando s`impara, parola di scienziati. La visione di filmati che riproducono semplici attività motorie della vita quotidiana migliora la destrezza manuale e la performance motoria nelle persone sane, grazie a modificazioni strutturali del cervello. Lo dimostra uno studio condotto dal team di Massimo Filippi dell`Unità di neuroimaging quantitativo dell`Irccs ospedale San Raffaele e dell`università Vita-Salute San Raffaele di Milano, che verrà presentato al 66esimo meeting dell`American Academy of Neurology (Philadelphia, 26 aprile-3 maggio). Il lavoro, finanziato dalla Fondazione italiana sclerosi multipla, apre nuove orizzonti per migliorare il recupero della plasticità cerebrale in pazienti neurologici. I ricercatori del San Raffaele hanno reclutato 36 adulti sani destrimani, sottoponendoli a 10 sessioni giornaliere di training motorio della mano destra della durata di 40 minuti ciascuna. I partecipanti sono stati divisi in due gruppi: quelli del primo vedevano filmati che presentavano movimenti specifici compiuti da altre persone in comuni attività quotidiane, ad esempio utilizzare chiodi e martello, maneggiare monete, scrivere con una penna o alla tastiera di un computer, tutti movimenti oggetto del training; i destrimani del secondo gruppo vedevano invece filmati con paesaggi `neutrì come montagne, colline, alberi. Prima e dopo le 10 sedute di training, tutti i partecipanti sono stati sottoposti a una sequenza di risonanza magnetica morfologica ad alta risoluzione, che permette di identificare le modifiche di volume di singole regioni encefaliche. Risultato: i partecipanti del primo gruppo mostravano un miglioramento di performance fino a 11 volte superiore rispetto a quelli del secondo, soprattutto in termini di forza e destrezza manuale. L`effetto era associato a variazioni del volume di regioni della sostanza grigia e della sostanza bianca cerebrale, che fanno parte del circuito motorio (come la corteccia motoria primaria e il cervelletto) e di quello visivo (corteccia occipitale). 
 
 

 



Vedi allegato
 
24.02.2014
Al via megastudio su cellule ripara-cuore dopo infarto, obiettivo dimostrare che riducono del 25% tassi mortalità

Da: RICERCA

Al via a Londra il più grande studio mai effettuato sulle cellule staminali come possibile strada per riparare il cuore dopo un infarto. Coinvolgerà 3.000 pazienti in 11 Paesi europei e punta a dimostrare che il trattamento è in grado di ridurre di almeno un quarto i tassi di mortalità conseguenti agli attacchi di cuore. Il trial si chiama Bami (Bone Acute Myocardial Infarction) e ha ricevuto quasi 5 milioni di sterline di finanziamento da parte della Commissione europea. I risultati saranno resi noti entro 5 anni. Tutti i volontari dovranno sottoporsi a una terapia standard per allargare le arterie ristrette dopo l`infarto, con l`inserimento di uno stent. Alla metà dei pazienti verranno però prelevate cellule staminali dal midollo osseo, che verranno poi iniettate nel cuore. "È fantastico far parte di questa sperimentazione", ha detto Neal Grainger, 54 anni, dall`Essex, il primo paziente arruolato nel Regno Unito, sottoposto a prelievo delle cellule al London Chest Hospital pochi giorni dopo aver avuto un infarto, a gennaio. "È strano vedere che ti tolgono qualcosa, che poi dovrà essere rimesso nel tuo corpo, ma spero che tutto questo possa aiutare me e molte altre persone". In passato sono state organizzate decine di trial più piccoli che hanno impiegato le staminali per curare i pazienti colpiti da attacco di cuore. Un`analisi della Cochrane Collaboration nel 2012 ha suggerito che questo trattamento offre "modesti miglioramenti". Ma molte ricerche coinvolgono solo un piccolo numero di pazienti. "Questa sarà la prova definitiva", è convinto Anthony Mathur, direttore della Cardiologia al Barts Health Nhs Trust e ricercatore principale dell`indagine. "Dopo 15 anni di ricerca - assicura - ora avremo una chiara risposta. Speriamo di dimostrare che le iniezioni di cellule staminali sono in grado di ridurre il numero di persone che muoiono di attacchi cardiaci del 25%". 
 
 
 
 

 



Vedi allegato
 
21.02.2014
Da Verona nuova tecnica per diagnosticare forme rare: permette di sequenziare 50 geni contemporaneamente

Da: Oncologia

Sequenziare contemporaneamente 50 geni da una piccola porzione di tessuto, prelevata dalla biopsia o durante l`intervento chirurgico. Una "rivoluzione nella diagnostica dei tumori rari", annuncia l`università` di Verona, resa possibile dal team del Centro di ricerca sul cancro `Arc-Net` dell`ateneo, guidato da Aldo Scarpa, direttore del Dipartimento di patologia e diagnostica. I risultati di un loro studio sono stati pubblicati `Journal of Clinical Oncology`, rivista ufficiale dell`Asco, la Società americana di oncologia clinica.  La nuova metodica - spiega l’università di Verona in una nota - è stata utilizzata nello studio di un tumore raro del fegato, il carcinosarcoma, di cui si è potuto stabilire con certezza l`assetto molecolare sia della cellula progenitrice che delle diverse sottopopolazioni di cellule variamente differenziate che compongono il tumore esaminato. Questa caratterizzazione molecolare ha permesso di individuare le mutazioni di geni bersaglio di farmaci già esistenti.  "Il lavoro - sottolinea Scarpa - dimostra la potenzialità diagnostica delle nuove metodiche di sequenziamento del Dna nell`identificazione del complesso di mutazioni geniche presenti in un tumore, ai fini della caratterizzazione molecolare di ogni singolo tumore. Un importante passo in avanti che guarda alla personalizzazione delle terapie attraverso l`impiego di farmaci mirati a bloccare le molecole alterate nello specifico cancro di ciascuna persona. Solo leggendo l`insieme delle mutazioni del codice genetico insite nelle cellule tumorali, infatti, potremo sfruttare al meglio i farmaci bersaglio". La tecnica `made in Verona` getta le basi per un passo avanti decisivo in questa direzione, conclude la nota. 



Vedi allegato
 
21.02.2014
Da Verona nuova tecnica per diagnosticare forme rare: permette di sequenziare 50 geni contemporaneamente

Da: Oncologia

Sequenziare contemporaneamente 50 geni da una piccola porzione di tessuto, prelevata dalla biopsia o durante l`intervento chirurgico. Una "rivoluzione nella diagnostica dei tumori rari", annuncia l`università` di Verona, resa possibile dal team del Centro di ricerca sul cancro `Arc-Net` dell`ateneo, guidato da Aldo Scarpa, direttore del Dipartimento di patologia e diagnostica. I risultati di un loro studio sono stati pubblicati `Journal of Clinical Oncology`, rivista ufficiale dell`Asco, la Società americana di oncologia clinica.  La nuova metodica - spiega l’università di Verona in una nota - è stata utilizzata nello studio di un tumore raro del fegato, il carcinosarcoma, di cui si è potuto stabilire con certezza l`assetto molecolare sia della cellula progenitrice che delle diverse sottopopolazioni di cellule variamente differenziate che compongono il tumore esaminato. Questa caratterizzazione molecolare ha permesso di individuare le mutazioni di geni bersaglio di farmaci già esistenti.  "Il lavoro - sottolinea Scarpa - dimostra la potenzialità diagnostica delle nuove metodiche di sequenziamento del Dna nell`identificazione del complesso di mutazioni geniche presenti in un tumore, ai fini della caratterizzazione molecolare di ogni singolo tumore. Un importante passo in avanti che guarda alla personalizzazione delle terapie attraverso l`impiego di farmaci mirati a bloccare le molecole alterate nello specifico cancro di ciascuna persona. Solo leggendo l`insieme delle mutazioni del codice genetico insite nelle cellule tumorali, infatti, potremo sfruttare al meglio i farmaci bersaglio". La tecnica `made in Verona` getta le basi per un passo avanti decisivo in questa direzione, conclude la nota. 



Vedi allegato
 
21.02.2014
Da Verona nuova tecnica per diagnosticare forme rare: permette di sequenziare 50 geni contemporaneamente

Da: Oncologia

Sequenziare contemporaneamente 50 geni da una piccola porzione di tessuto, prelevata dalla biopsia o durante l`intervento chirurgico. Una "rivoluzione nella diagnostica dei tumori rari", annuncia l`università` di Verona, resa possibile dal team del Centro di ricerca sul cancro `Arc-Net` dell`ateneo, guidato da Aldo Scarpa, direttore del Dipartimento di patologia e diagnostica. I risultati di un loro studio sono stati pubblicati `Journal of Clinical Oncology`, rivista ufficiale dell`Asco, la Società americana di oncologia clinica.  La nuova metodica - spiega l’università di Verona in una nota - è stata utilizzata nello studio di un tumore raro del fegato, il carcinosarcoma, di cui si è potuto stabilire con certezza l`assetto molecolare sia della cellula progenitrice che delle diverse sottopopolazioni di cellule variamente differenziate che compongono il tumore esaminato. Questa caratterizzazione molecolare ha permesso di individuare le mutazioni di geni bersaglio di farmaci già esistenti.  "Il lavoro - sottolinea Scarpa - dimostra la potenzialità diagnostica delle nuove metodiche di sequenziamento del Dna nell`identificazione del complesso di mutazioni geniche presenti in un tumore, ai fini della caratterizzazione molecolare di ogni singolo tumore. Un importante passo in avanti che guarda alla personalizzazione delle terapie attraverso l`impiego di farmaci mirati a bloccare le molecole alterate nello specifico cancro di ciascuna persona. Solo leggendo l`insieme delle mutazioni del codice genetico insite nelle cellule tumorali, infatti, potremo sfruttare al meglio i farmaci bersaglio". La tecnica `made in Verona` getta le basi per un passo avanti decisivo in questa direzione, conclude la nota. 



Vedi allegato
 
20.02.2014
Ecco come carenza ferro aumenta rischio ictus. ‘Infarto cerebrale’ colpisce ogni anno colpite 15 mln di persone nel mondo

Da: MEDICINA

La carenza di ferro può aumentare il rischio di ictus perché rende il sangue più ‘appiccicoso’. A stabilirlo è una ricerca dell`Imperial College di Londra pubblicata su ‘PlosOne’. Il più comune ictus è quello ischemico che si verifica quando un`arteria che fornisce il sangue ricco di ossigeno al cervello si ostruisce. Ogni anno nel mondo 15 mln di persone sono colpite da questo ‘infarto cerebrale’, quasi 6 mln sono i decessi e 5 mln di persone rimangono disabili.  Negli ultimi anni diversi studi hanno dimostrato che la carenza di ferro - che colpisce circa 2 mld di persone nel mondo - può essere un fattore di rischio per l`ictus ischemico negli adulti e nei bambini. Ma come il deficit di ferro agisca, arrivando a raddoppiare il rischio di ictus è stato per molto tempo un enigma per il mondo della medicina. Ora il team di ricerca dell`Imperial College ha scoperto che la carenza di ferro incrementa la viscosità del sangue causata dalle piastrine, responsabili appunto della coagulazione. Il legame tra carenza di ferro e capacità delle piastrine di ‘appiccicarsi’ è nota da quasi 40 anni ma il suo ruolo è stato trascurato fino ad oggi.  I ricercatori hanno studiato un gruppo di pazienti (497) con una malattia rara, la teleangiectasia emorragica ereditaria (Hht), una displasia a carico del sistema vascolare che colpisce i vasi sanguigni (soprattutto capillari e venule). Lo studio ha verificato che i pazienti con livelli di ferro moderatamente bassi, circa 6 micromole per litro (µmol/l), avevano il doppio del rischio di ictus rispetto a chi aveva una quantità di ferro pari alla metà del normale, tra 7 e 27 µmol/l. Normalmente i vasi sanguigni dei polmoni agiscono come un filtro per rimuovere i piccoli coaguli di sangue prima che il flusso si immetta nelle arterie. Ma nei pazienti con vasi polmonari anomali il sangue è in grado di evitare il filtro, così piccoli coaguli di sangue sono in grado di viaggiare fino al cervello. I pazienti che hanno partecipato allo studio erano a corto di ferro e avevano più probabilità di avere un ictus. I ricercatori hanno esaminato in in laboratorio le piastrine di questi soggetti con bassi livelli di ferro e hanno scoperto che quando queste erano trattate con una sostanza che innesca la coagulazione si raggruppavano insieme in modo più rapido.  Secondo Claire Shovlin, autore dello studio "Il prossimo passo è quello di verificare se siamo in grado di ridurre la probabilità di avere un ictus trattando la carenza di ferro dei pazienti ad alto rischio - sottolinea il ricercatore - Ci sono ancora molti passi da fare per capire come un coagulo in un vaso sanguigno arriva a svilupparsi in maniera definitiva, quindi non è ancora chiaro quanto sia importante in questo processo la capacità delle piastrine di ‘unirsi’. Il nostro - conclude - è un primo passo, ma ne serviranno altri". 
 

 



Vedi allegato
 
20.02.2014
Malattie rare: italiani fanno luce su ruolo epilessia in sindrome ring14. Studio, condiziona sviluppo cognitivo e comportamento bimbi colpiti

Da: MEDICINA

Il ritardo mentale che colpisce i bimbi malati di sindrome `Ring14` non dipende solo dal difetto cromosomico all`origine di questa patologia rara, ma anche dalla gravità dell`epilessia che affligge i piccoli pazienti. Lo dimostra per la prima volta uno studio italiano pubblicato sulla rivista internazionale ‘Epilepsia’, condotto da Giuseppe Gobbi, primario di Neuropsichiatria infantile all`ospedale Bellaria di Bologna, e dalla neuropsichiatra infantile Simona Giovannini. Il lavoro, possibile grazie a un finanziamento erogato da Ring14 Onlus - comunica l`associazione pazienti in una nota, in vista della Giornata mondiale delle malattie rare (28 febbraio) - con il sostegno della Fondazione Manodori di Reggio Emilia, rappresenta uno studio pilota che descrive l`epilessia nei pazienti Ring14 come base per tutti gli studi futuri.  "Grazie all`importante ruolo svolto dall`associazione Ring14 - sottolinea Gobbi - è stato possibile raccogliere un`ampia casistica con pazienti", 22 in tutto, "provenienti da tutto il mondo. In questo modo si sono potute descrivere con precisione le caratteristiche dell`epilessia, stabilendone l`evoluzione a lungo termine e ricavandone anche fattori di prognosi importanti". Aggiunge Giovannini: "Grazie alla possibilità di accedere a informazioni cliniche dettagliate e di visitare i bambini, è stato possibile descrivere meglio le caratteristiche cliniche dell`epilessia, la sua storia naturale e la risposta farmacologica".  "Il risultato principale - riassume Gobbi - è stato poter stabilire come la gravità dell`epilessia, soprattutto nei primi anni di vita, possa incidere in maniera determinante anche sullo sviluppo cognitivo dei pazienti e sul loro comportamento. Questo è importante perché, al contrario di quanto si poteva sostenere in passato, la disabilità mentale dei pazienti portatori della sindrome Ring14 non dipende solo, o preminentemente, dall`anomalia cromosomica, ma anche dalla gravità dell`epilessia stessa. Da un punto di vista strettamente medico, questo studio porta un contributo molto consistente nella diagnostica differenziale precoce delle encefalopatie epilettiche a insorgenza precoce". I pazienti affetti da Ring14 - ricorda l`associazione familiari - presentano epilessia a esordio precoce, ritardo mentale (per lo più grave profondo), disturbo del linguaggio, microcefalia, dismorfismi facciali. L`epilessia è uno dei sintomi cardine di questa cromosomopatia: è presente nel 100% dei casi e ne condiziona pesantemente l`evoluzione. Le crisi, difficilmente controllabili dai farmaci, iniziano di solito nel primo anno di vita. Gli attacchi durano a lungo, fino a innescare veri e propri stati di male epilettici convulsivi.  "Lo studio - conclude Giovannini - ha consentito di descrivere meglio il fenotipo epilettico della sindrome Ring14 e di individuare 3 stadi di sviluppo: un esordio spesso improvviso con crisi epilettiche frequenti, di lunga durata e resistenti al trattamento antiepilettico; una fase intermedia, durante la quale le crisi epilettiche persistono frequenti influenzando il livello di sviluppo cognitivo ed emozionale; una terza fase con riduzione degli eventi critici ma persistenza della disabilità cognitiva e dei disturbi comportamentali". 
 
 

 



Vedi allegato
 
19.02.2014
Aids: roche lancia nuovo test per diagnosi Hiv nei bebè. Riduce il rischio di falsi positivi

Da: MEDICINA

Un nuovo test per la diagnosi del virus dell`Aids nei bimbi piccoli. Il prodotto, lanciato dal gruppo svizzero Roche, sarà in vendita in Ue e in tutti i mercati che riconoscono la certificazione ‘Ce’. Il test permette di identificare il virus Hiv nel plasma sanguigno, ma anche nel sangue disidratato. Proprietà particolarmente utili in numerose regioni africane, sottolinea Roche in una nota. Il cosiddetto ‘depistaggio’ dell`Hiv nei bebè è una grossa sfida, ricorda la compagnia basilese, a causa del passaggio degli anticorpi della madre al bambino al momento del parto, per un periodo che può estendersi fino a 15 mesi. Spesso, dunque, i test producono dei cosiddetti `falsi positivi’. La nuova analisi identifica invece l`Hiv-1 Tna, che è rivelatore di un`infezione attiva e quindi conferirebbe all`esame maggiore affidabilità. 



Vedi allegato
 
18.02.2014
Alimenti, l`ipotesi, nella psiche origine intolleranze a cibi. Mela legata a senso di colpa, latte al legame con la madre

Da: MEDICINA

Spesso confuse con le allergie ad alcuni alimenti, le intolleranze sono in crescita: secondo i dati dell`Istituto superiore di sanità il 7,5-8% dei bambini e il 2% della popolazione adulta soffre di ‘reazioni avverse ad uno o più cibi’, che si manifestano con dolori addominali, crampi, diarrea, vomito. Nonostante solo un terzo delle intolleranze sia diagnosticato con il Test della provocazione orale, gran parte della popolazione ritiene di essere ‘intollerante’ a qualche alimento. Ora una singolare ipotesi eziologica è quella di Edi Salvadori, psicopedagogista e counselor: dietro al rifiuto di un cibo da parte dell`organismo ci sarebbe una emozione non riconosciuta e riconducibile all`alimento stesso.  Ne consegue che alla rimozione del blocco emotivo, il sintomo scompaia. "Nella mia esperienza professionale - sostiene Salvadori in una nota - mi sono accorta che le intolleranze alimentari nascono, essenzialmente, dalla nostra incapacità di ascoltarci, di ascoltare i nostri desideri più profondi, di dare fiducia alla saggezza antica del nostro corpo". Ecco dalla mela al latte, fino al glutine, quali sono, secondo l`esperta, le più comuni intolleranze e le relative correlazioni sintomatiche:  Mela = Senso di colpa. La correlazione nasce dalla simbologia che associa questo frutto al peccato. Le persone che si sentono in colpa perché hanno atteggiamenti arroganti nei confronti delle persone con cui hanno un legame affettivo più profondo e scagliano su di loro la rabbia inespressa possono sviluppare questa intolleranza, che si manifesta con gonfiore a livello addominale o crampi. Latte = Legame figura materna. Legata alla presenza di una madre ansiosa o assente. Le persone sviluppano insicurezza e spesso intolleranza verso l`alimento che li ha nutriti, perché si carica di stati emotivi che l`organismo non riesce più a `digerire’. Disturbi digestivi, senso di gonfiore o peso diventano i compagni di vita di queste persone. L`intestino è correlato al secondo chakra che, a sua volta, è correlato alla relazione con la figura materna, per cui una sua distorsione genera un blocco energetico che può provocare la sintomatologia. L`intolleranza al latte, che compare in età adulta, può esprimere un conflitto irrisolto. Trovarsi nella condizione di dover eliminare il latte dalla propria dieta vuol dire ‘stare alla larga’ dagli zuccheri che compongono il latte e che simbolicamente, possiamo associare al bisogno di dolcezza/affetto.  Glutine = Difficoltà di intessere relazioni stabili e paura dell``invischiamento’, soprattutto nel contesto familiare. Solitamente i soggetti che sviluppano questa intolleranza sono persone vissute all`interno di contesti familiari particolarmente ‘fagocitanti’, dove non è stato facile rivendicare la propria individualità. I sintomi fisici sono a livello gastrico ed intestinale.  Prezzemolo = Difficoltà di porre dei confini. Questa intolleranza può insorgere in quelle persone particolarmente disponibili, gentili, responsabili, sempre pronte a mettere da parte il proprio sentire, al punto tale che non pongono dei confini per cui si lasciano invadere continuamente. Questa intolleranza deve indurre la persona a riflettere che è arrivato il momento di scrollarsi di dosso delle responsabilità eccessive di cui si sta caricando, per eccesso di disponibilità, iniziando a dire dei no. Carne = Stile di vita frenetico e caotico. Fare tante cose contemporaneamente, non riuscire a stare fermi e quando lo si fa sentirsi in ansia, con un forte stato di angoscia, ci può portare a prestare attenzione verso il fare e non il sentire. "L`azione ci impedisce di pensare, di ascoltare il disagio che c`è dentro di noi. Quando il corpo non regge più questo meccanismo, in quanto emerge un forte stato di stress e di stanchezza, anche come conseguenza di un sovraccarico energetico del fegato. Questa intolleranza può essere l`espressione di persone che non si concedono nemmeno il tempo per nutrirsi, proprio perché la carne necessita di tempi più lunghi per la masticazione e l`assimilazione", spiega l`esperta.  Cioccolato fondente = Vita sessuale vissuta come senso del dovere e non del piacere.  Cioccolato al latte = Bisogno di coccole, di affetto, di dolcezze. Il cioccolato, simbolicamente, rappresenta uno dei piaceri della vita , ma quando questa è costellata di dovere non è facile lasciarsi andare nemmeno nell`intimità, così come potremmo non concederci di esternare il nostro bisogno di essere amati. Si tende a compensare ciò che manca con questo alimento, fino al giorno in cui non sarà più sufficiente e il nostro corpo lo esprime con l`intolleranza. "L`intolleranza alla cioccolata e quella alla caffeina insorgono in persone particolarmente rigide con se stesse, con un grande senso del dovere e con una forte responsabilità". Soggetti che pensano che ciò che ottengono deve essere sempre il frutto di grandi sacrifici, e se ottengono qualcosa facilmente non se lo godono Per assurdo gli unici momenti che si concedono potrebbero essere proprio le pause caffè, ma ecco che scatta l`intolleranza. 

 


Vedi allegato
 
18.02.2014
Udito a rischio per chi fa musica e chi la ascolta, il vademecum. Le raccomandazioni dell`audiologo alla vigilia di Sanremo

Da: MEDICINA

Musica croce e delizia per le orecchie, sia di chi la fa sia di chi la ascolta. Una recente ricerca condotta in Nuova Zelanda ha calcolato che più della metà dei musicisti adulti soffre di un deficit uditivo. E che circa il 20% degli adolescenti, uno su 5, lamenta udito debole nonostante la giovanissima età. Un calo precoce collegabile secondo gli esperti all``overdose’ di musica in cuffia ad altissimo volume, con un numero di casi di ipoacusia aumentato del 30% negli ultimi 15 anni, insieme al dilagare di strumenti come mp3, iPod, tablet e smartphone. Per ricordare le regole d`oro salva-udito, alla vigilia del 64esimo Festival di Sanremo arriva il `Piccolo vademecum dei decibel sotto controllò, realizzato da Amplifon con la consulenza dell`audiologo: 8 consigli, 4 per chi suona e 4 per chi ascolta. "Il nostro udito è prezioso e bisognerebbe fare di tutto per mantenerlo in buone condizioni funzionali - osserva l`audiologo Antonio De Caria - Eppure l`esposizione a cui sono sottoposti musicisti, fonici e disc-jockey è sottovalutata quando si discute di lavoratori esposti a rumore. Per non parlare della miriade di musicisti non professionisti che, non disponendo di impianti adeguati, continuano a esporsi a ondate di decibel fuori controllo". Inoltre, i `dottori dell`udito’ segnalano la diffusione in tutto il mondo di un cattivo uso dei mezzi di riproduzione musicale: "Sempre più persone ascoltano la musica `outdoor` - spiega De Caria - direttamente dalle cuffiette del proprio mp3 o cellulare, con volume altissimo per mascherare, per esempio, il rumore del traffico o di un mezzo di trasporto, come succede quando si è in treno. Si possono così raggiungere e superare anche i 100 decibel, un rumore paragonabile al frastuono di un aeroplano al decollo. Tutto ciò può portare a un precoce deterioramento uditivo, come dimostrato da numerose ricerche clinico-epidemiologiche". - Ecco quindi il vademecum per proteggere il benessere dell`udito, lo strumento più prezioso: PER CHI SUONA: 1) Mantenere le distanze dagli strumenti più rumorosi. Ad esempio, è consigliabile posizionare gli strumenti a fiato, quando possibile, un metro al di sopra degli altri musicisti; 2) Sottoporsi a una valutazione audiologica costante per musicisti: non solo l`audiometria clinica di base, ma anche lo studio del campo dinamico e della tolleranza acustica, della risposta in frequenza globale dell`orecchio, della distorsione (se presente) e della funzione di discriminazione di frequenza (spesso primo segno di un iniziale deficit uditivo); 3) Indossare specifici protettori acustici per musicisti: esistono sistemi personalizzabili di attenuazione acustica, passivi o attivi come gli ear monitor; 4) Utilizzare sistemi di insonorizzazione ambientali. PER CHI ASCOLTA: 5) Regolare il volume del proprio dispositivo per l`ascolto della musica in modo da riuscire a sentire i suoni circostanti; 6) Non utilizzare le cuffiette per periodi prolungati; 7) Concedersi delle pause di riposo acustico durante un concerto dal vivo della durata di più di 2 ore; 8) Non avvicinarsi troppo agli altoparlanti. 
 
 

 



Vedi allegato
 
18.02.2014
Epilessia, a ricercatrice italiana il Morris-Coole Epilepsia Prize

Da: MEDICINA

È tutto italiano lo studio che ha evidenziato il ruolo della neuroinfiammazione nelle epilessie farmaco-resistenti. Così, dopo 5 anni, sventola nuovamente il tricolore sul gradino più alto del podio Morris-Coole Epilepsia Prize, prestigioso riconoscimento internazionale che l`Ilae (International league against epilepsy) destina ogni anno a studi particolarmente interessanti pubblicati dall`autorevole rivista `Epilepsià. Quest`anno è infatti Cristina Roseti, ricercatrice presso il laboratorio di elettrofisiologia dell`Irccs San Raffaele Pisana di Roma, ad aggiudicarsi l`edizione 2013 del premio che le sarà ufficialmente conferito nel corso dell`11.mo `European Congress on Epileptology`, a Stoccolma dal 29 giugno al 3 luglio 2014.  L`epilessia colpisce circa l`1% della popolazione mondiale. Tra le sue varie forme, quella del lobo temporale (Tle) è la più diffusa e presenta in circa il 30% dei pazienti una forte refrattarietà alla terapia farmacologica convenzionale. "Il nostro lavoro - spiega Roseti - analizzando per la prima volta tessuto cerebrale umano ottenuto da pazienti con epilessia farmaco resistente, ha evidenziato che la ridotta funzionalità del sistema inibitorio gabaergico può essere ripristinata dall`applicazione di una chemochina, la fractalchina, rilasciata durante gli stati infiammatori".  Lo studio premiato è stato svolto in collaborazione con l`Università di Roma, di Amsterdam e l`istituto Neuromed e, come puntualizza Eleonora Palma, a capo del Laboratorio di elettrofisiologia dell`Irccs San Raffaele, "indica il ruolo fondamentale della neuroinfiammazione nell`epilessia del lobo temporale suggerendo nuovi approcci terapeutici basati sull`ipotesi che la propagazione delle crisi epilettiche possa essere influenzata dai processi infiammatori". 
 
 

 



Vedi allegato
 
17.02.2014
Da CDM ok a norme contro falsi, vendita on line regolata norme contro carenza e broker

Da: Sanità

Nuove norme per la lotta ai falsi farmaci: dalla vendita on line regolamentata di medicinali senza ricetta a strumenti per evitare la carenza, fino alla creazione di un sistema nazionale antifalsificazione e alla istituzione di broker di medicinali registrati al ministero della Salute . Il Consiglio dei ministri di ha infatti approvato in via definitiva il provvedimento per l`attuazione della direttiva europea mirata ad impedire l`ingresso dei medicinali falsificati nella catena di fornitura legale. Un provvedimento articolato, con alcuni punti cardine. Eccoli:1) nuova definizione di `servizio pubblicò che consente prioritariamente di soddisfare, nel rispetto degli obblighi comunitari, il fabbisogno territoriale di farmaci evitando così situazioni di indisponibilità degli stessi. Ciò attraverso una modifica dell`articolo 105 del dlgs n. 219 del 2006; tale disposizione consente, con una procedura di segnalazione, effettuata dal farmacista, alla regione competente di accertare che non sia stato violato l`obbligo di servizio pubblico; nel qual caso, il distributore potrà esser sottoposto oltre che ad una sanzione amministrativa pecuniaria anche alla sospensione o, nell`ipotesi di reiterazione della violazione, anche alla revoca della autorizzazione allo svolgimento dell`attività di grossista; 2) possibilità di vendita a distanza al pubblico dei medicinali (vendita on line) senza obbligo di prescrizione, attraverso farmacie o parafarmacie; a tale scopo, i siti internet che vendono medicinali conterranno un link, collegato al sito internet del ministero della salute, che indicherà la lista di tutti gli enti o persone autorizzate alla vendita di farmaci in rete. Sarà utilizzato un logo comune che renderà tali siti riconoscibili e sicuri; 3) garanzia che il trasporto dei medicinali venduti on line, sia effettuato nel rispetto delle linee guida in materia di buona pratica di distribuzione, quindi in modo da consentire all`acquirente di ricevere i farmaci con le medesime garanzie di quelli acquistati nella farmacia o nella parafarmacia". 4) creazione del Sistema nazionale antifalsificazione che, attraverso la task-force nazionale anti-falsificazione, con il coinvolgimento anche del Comando dei Carabinieri per la Tutela della Salute (Nas) e dell`Agenzia delle dogane e dei monopoli, è inteso a impedire la circolazione sul territorio nazionale di medicinali falsificati e quindi potenzialmente pericolosi per la salute; 5) introduzione dell`attività di broker di medicinali che, espletando una attività di negoziazione da posizione indipendente e per conto di un`altra persona fisica o giuridica, è condizionata solo a una registrazione presso il ministero della salute. 6) semplificazione e riduzione dei tempi procedurali connessi alla produzione e importazione delle sostanze attive. In particolare, i produttori e gli importatori di sostanze attive stabiliti in Italia dovranno registrare la loro attività presso l`Aifa in luogo della precedente autorizzazione. In ogni caso saranno seguite le buone pratiche di fabbricazione, sia che tali sostanze provengano da Paesi Ue sia che si tratti di prodotti importati da Paesi terzi. Nel caso di fabbricazione in Paesi terzi di sostanze attive destinate all`esportazione verso l`Unione europea, l`autorità competente del Paese esportatore dovrà attestare che gli stabilimenti interessati siano stati sottoposti a controlli periodici severi e trasparenti, disposti anche a garanzia di un livello di tutela della salute pubblica almeno pari agli standard richiesti a livello europeo; 7) una semplificazione per i distributori di sostanze attive stabiliti in Italia che dovranno registrare la loro attività, inviando un modulo di registrazione all`autorità territorialmente competente (regioni e province autonome), almeno sessanta giorni prima dell`inizio dell`attività. In ogni caso, al fine di tutela della salute pubblica, l`autorità competente, in base alla valutazione del rischio, potrà effettuare ispezioni, dandone comunicazione al richiedente la registrazione. Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto di recepimento della direttiva Ue in materia di prevenzione delle ferite da taglio o da punta nel settore ospedaliero e sanitario . Scopo del provvedimento è ridurre il numero di ferite e punture accidentali che si verificano in ambienti sanitari, per la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e per la riduzione dei costi connessi (valutati in circa 850 euro per evento, a carico del datore di lavoro pubblico o privato). Studi del settore ne stimano infatti in Italia un`incidenza pari a circa 96.000 casi all`anno.

 



Vedi allegato
 
17.02.2014
5 mln di italiani incontinenti, cresce attenzione istituzioni

Da: MEDICINA

In Italia cresce l`attenzione delle Istituzioni verso l`incontinenza urinaria, un problema che riguarda 5 milioni di connazionali di ogni età. Dopo il Piemonte, anche la Sardegna (dove a soffrire di incontinenza sono 70-100 mila persone) ha avviato un network per la prevenzione, la diagnosi e la cura del disturbo. La Regione ha aderito infatti alla proposta di Fondazione italiana continenza e ha creato una nuova rete assistenziale integrata - composta da centri di primo, secondo e terzo livello - per affrontare in modo sempre più mirato e appropriato il problema. Dopo avere istituito lo scorso anno un tavolo di confronto regionale sull`incontinenza, in gennaio la Giunta sarda ha approvato 3 linee guida che dovrebbero essere secondo la Fondazione un "modello positivo per le altre Regioni italiane": l`istituzione dei centri dedicati (3 di primo livello sul territorio, 12 di secondo livello attrezzate per terapie chirurgiche, 2 di terzo livello ad altissima specializzazione nel trattamento dell`incontinenza e di patologie pelviche secondarie a condizioni neurologiche maschili e femminili); la definizione di elementi utili alla razionalizzazione della spesa (determinazione di un tetto, differenziato su vari livelli di gravità, che garantisca l`effettiva appropriatezza prescrittiva e consenta a ciascun paziente di approvvigionarsi direttamente degli ausili più idonei, ad esempio i pannoloni); l`adozione, come prima Regione in Italia, della Carta dei diritti della persona con incontinenza.
 
 
 

 



Vedi allegato
 
14.02.2014
Respiro malato per oltre 1 italiano su 10, metà non lo sa. 300 esperti a congresso a Verona su asma e bpco

Da: MEDICINA

Oltre un italiano su 10 ha il respiro malato, ma più della metà non lo sa. È uno dei dati al centro del 17° Congresso nazionale sulle malattie respiratorie `Asma bronchiale e Bpco: nuovi obiettivi, nuovi rimedi, nuove strategie’. Trecento specialisti riuniti a Verona da tutta Italia per "il più longevo appuntamento monotematico in Italia tra quelli non organizzati da società scientifiche", sottolinea Roberto Dal Negro, responsabile del Centro nazionale studi di farmacoeconomia e farmacoepidemiologia respiratoria.  Secondo le ultime stime - ricordano gli esperti - l`asma colpisce il 7% della popolazione italiana, mentre il 5,5% soffre di Bpco (con punte del 20-40% tra i fumatori): in sintesi, più di un decimo dei connazionali (12,5%) soffre di malattie respiratorie. Eppure queste patologie vengono spesso sottovalutate, dalle Istituzioni e dagli stessi pazienti. Un malato su due non sa di esserlo, avvertono gli specialisti: il 30% degli asmatici e fino al 75% dei pazienti con bronchite cronica non hanno mai ricevuto una diagnosi. E quando si scopre la verità potrebbe essere già troppo tardi: circa il 50% dei pazienti con Bpco grave muore entro 10 anni dalla diagnosi.  Le patologie respiratorie mostrano "un`epidemiologia sempre in crescita - sottolinea Dal Negro - eppure non hanno ancora il giusto riconoscimento dalle Istituzioni e si investe troppo poco per la ricerca, per la sensibilizzazione della popolazione e per il supporto dei malati. Urge un dialogo tra parti. Basti pensare che nel nostro Paese asma e Bpco costano al Ssn circa 14 miliardi di euro all`anno: di fatto 1 punto di Pil. È paradossale - denuncia l`esperto - che, nonostante il continuo aumento di casi e di gravità, strutture specialistiche subiscano sempre più tagli, a favore di un contenitore aspecifico di una medicina tuttologica".

 


Vedi allegato
 
14.02.2014
Malattie cervello costano più di somma cancro, diabete e cardiopatie. Esperta, da 386 miliardi euro in 2004 a 798 mld euro nel 2010, insostenibili in futuro

Da: MEDICINA

"Le malattie che colpiscono il cervello costano più di cancro, diabete e disturbi cardiovascolari messi insieme. E saranno assolutamente insostenibili per i sistemi sanitari nel futuro", in mancanza di azioni specifiche. A sottolinearlo Mary Baker, past president dell`European Brain Council, a Barcellona in occasione del convegno `Brai.Ns 2014`, che vede riuniti 450 esperti internazionali per parlare di ricerca e innovazioni scientifiche in questo campo.  "Si è passati dai 386 miliardi di dollari necessari a trattare queste malattie nel 2004 solo in Europa - ha aggiunto Baker - ai 798 miliardi del 2010. Il 23% è rappresentato da costi diretti non medici, il 40% da costi indiretti e il resto da costi medici diretti. I fondi destinati alla ricerca in questo settore sono in aumento, ma questa non deve essere una competizione per chi prende più soldi. Bisogna però pensare che è il cervello che gestisce cancro, diabete e altre malattie, e ci sono buone evidenze che mostrano che se un malato diventa depresso non segue le cure, i costi aumentano, così come cresce lo stress per lui e per la sua famiglia".  Baker ha ricordato infine che "nel quadro dell`Innovative Medicines Initiative (Imi) europeo, alle malattie del cervello è destinato il budget più alto (9%) dopo quello riservato alla ricerca di nuovi antibiotici e di nuove entità farmaceutiche. L`obiettivo dell`European Brain Council è cercare di aumentare la conoscenza dell`importanza di questo organo e del prendersene cura". 
 
 

 



Vedi allegato
 
12.02.2014
Istat, tumori e malattie cuore prime cause ricovero in Italia

Da: Sanità

I tumori e le malattie circolatorie si confermano le principali cause di ricovero ospedaliero, con differenze poco significative a livello regionale. È quanto emerge dal rapporto ‘Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo’, realizzato dall`Istat. In particolare, le malattie del sistema circolatorio rappresentano la principale causa di morte in quasi tutti i Paesi dell`Ue e in Italia il tasso standardizzato di mortalità per questa causa è pari a 30,4 decessi ogni 10 mila abitanti, mentre quello relativo ai tumori è pari a 25,9, con valori maggiori negli uomini (35,5) rispetto alle donne (19,3). I tumori sono la seconda causa di morte sia in Italia sia nel gruppo dei 27 Paesi Ue.  I tumori e le malattie del sistema circolatorio sono inoltre le patologie per cui è più frequente il ricorso all`ospedale. Ma i ricoveri in regime ordinario (con pernottamento) per queste diagnosi sono diminuiti nel tempo. Tale diminuzione è stata più rilevante per le malattie del sistema circolatorio (-21,5% tra 1999 e 2011) che per i tumori (-16,3%). Ciò "dipende dalla tendenza a trattare queste patologie in contesti assistenziali diversi (day hospital o ambulatori), oltre che da un possibile miglioramento del quadro nosologico". Nel 2011, inoltre, in Italia si sono registrate 1.214 dimissioni ogni 100 mila residenti per i tumori e 2.144 per le malattie del sistema circolatorio.  Quanto ai tumori, la diminuzione della mortalità "è legata al successo di misure di prevenzione primaria, che influiscono sulla riduzione del rischio di sviluppare la malattia, così come agli avanzamenti diagnostici e terapeutici che aumentano la sopravvivenza dei malati. Nel 2010 il tasso standardizzato di mortalità per tumori in Italia è pari a 25,9 decessi ogni 10 mila abitanti, in leggero calo rispetto al valore di 26,3 del 2009". I livelli di mortalità per tumori sono maggiori negli uomini (35,5) rispetto alle donne (19,3), sebbene la mortalità degli uomini stia diminuendo nel tempo più rapidamente di quella delle donne. 



Vedi allegato
 
12.02.2014
Linfomi, italiani identificano proteine `target` per nuove cure.

Da: Oncologia

Nuove terapie all`orizzonte contro i linfomi, grazie a uno studio condotto da scienziati dell`Istituto nazionale tumori di Milano in collaborazione con il Centro di riferimento oncologico di Aviano (Pordenone). I ricercatori, in un lavoro pubblicato sul `The American Journal of Pathology`, hanno identificato nuove proteine chiave nello sviluppo di una forma rara di linfoma (effusione linfomatosa primaria o Pel), che si presenta nelle cavità corporee come la pleura, il peritoneo o il pericardio, in assenza di una vera e propria massa tumorale. Le proteine individuate potranno rappresentare il bersaglio per la messa a punto di nuovi farmaci contro questo e altri tipi di linfoma. Il modello utilizzato per lo studio è stato un linfoma a cellule B associato al virus Kshv o Hhv8 (Human herpes virus 8), spiega Annunziata Gloghini del Dipartimento di patologia dell`Int di Milano. Ma "i risultati della scoperta potranno essere trasferiti ad altri linfomi per individuare nuovi target terapeutici", precisa l`esperta. "Applicando tecniche di proteomica per analizzare le proteine secrete" da 4 linee cellulari di Pel, "abbiamo individuato nuove proteine coinvolte nell`interazione tra cellule del linfoma e del microambiente - riferisce Italia Bongarzone del Laboratorio di proteomica dell`Int - e proteine che potrebbero essere rilevanti per la patogenesi e la terapia". I ricercatori, aggiunge Paolo De Paoli, direttore scientifico del Cro di Aviano, "hanno usato metodologie sofisticate per collegare le proteine identificate nel secretoma del Pel con possibili funzioni biologiche usando software di bioinformatica". Con questo approccio, continua il direttore scientifico dell`Int Marco Pierotti, "abbiamo definito una serie di nuove proteine coinvolte nello sviluppo e nella progressione tumorale che nel Pel o in altri linfomi potrebbero fornire nuovi candidati come target per farmaci selettivi". Tuttavia "sono necessari ulteriori studi per confermare e convalidare l`importanza di questi processi e il loro ruolo nello sviluppo e progressione tumorale dei linfomi". Lo studio è stato finanziato da ministero della Salute e Cro. 



Vedi allegato
 
12.02.2014
Boncinelli, scoperto gene della ‘mancanza d`intelligenza’

Da: RICERCA

Scoperto un gene dell`intelligenza? Secondo Edoardo Boncinelli, genetista e scienziato italiano, sarebbe meglio parlare piuttosto del "gene della mancanza d`intelligenza. Di intelligenza si parla molto - dice lo scienziato - ma non sappiamo ancora definirla. Per questo, per `misurarla’, si ricorre ai test. Penso che l`intelligenza sia controllata sicuramente dai geni, probabilmente da un numero altissimo. E naturalmente quelli che controllano elementi organici, come lo spessore della materia grigia, hanno un ruolo più importante di altri. Ebbene, il gene messo in luce dalla ricerca" coordinata dal King`s College di Londra "appartiene evidentemente a questo gruppo. Anche se, piuttosto che dell`intelligenza, potremmo chiamarlo gene della mancanza dell`intelligenza".  La variante messa in luce Oltremanica, infatti, influisce sullo spessore della materia grigia riducendolo, e ciò si rifletterebbe anche in risultati peggiori nei test totalizzati dagli adolescenti protagonisti della ricerca. "Gli studi sull`intelligenza sono estremamente interessanti", conclude Boncinelli che prevede la scoperta in futuro di altri geni coinvolti in questo aspetto.  

 


Vedi allegato
 
11.02.2014
Scoperte 7 nuove regioni genetiche legate a diabete. Studio su nature, passi avanti verso ‘mappatura’ malattia e verso cure

Da: MEDICINA

Identificate 7 nuove regioni genetiche associate al diabete di tipo 2, grazie al più grande studio effettuato finora per l`approfondimento della base genetica della malattia. Sono stati presi in considerazione dati del Dna di oltre 48.000 pazienti e 139.000 persone sane provenienti da quattro diversi gruppi etnici. La ricerca è stata condotta da un consorzio internazionale di scienziati provenienti da 20 Paesi in quattro continenti, guidati dall`Oxford University`s Wellcome Trust Centre for Human Genetics.  Fino a oggi, la maggior parte di questi studi era stata condotta su popolazioni europee. Notevole dunque l`inclusione, questa volta, dei dati di popolazioni di origine asiatica e ispanica. E i ricercatori sono convinti che, con sempre più dati genetici a disposizione di un numero sempre maggiore di popolazioni diverse, sarà possibile mappare i geni implicati nel diabete di tipo 2 in maniera molto precisa.  Tra le nuove regioni genetiche individuate dal team di ricerca internazionale ce ne sono due, in prossimità dei geni Arl15 e Rreb1, che mostrano anche forti legami con elevati livelli di insulina e di glucosio nel corpo, due caratteristiche principali del diabete di tipo 2. Questa scoperta fornisce dettagli sui processi biochimici di base coinvolti nel rischio di sviluppare la malattia, assicurano gli scienziati. "I nostri risultati - dicono - ci porteranno a nuovi modi di pensare la malattia, con l`obiettivo, in ultima analisi, di sviluppare nuove terapie per trattare e prevenire il diabete. Ci sono tutte le ragioni per aspettarsi" che si possano sviluppare "farmaci che agiranno su questi processi biologici con un impatto molto maggiore sul diabete" rispetto a quanto ottenuto con le cure attuali. 



Vedi allegato
 
11.02.2014
Tumori: iniezioni di vitamina C ad alte dosi per uccidere cellule cancro. Studio sui topi, potenzialità di efficacia, sicurezza e basso costo

Da: Oncologia

L`iniezione di un concentrato di vitamina C ad alte dosi può aiutare a eliminare le cellule tumorali. A stabilirlo, per ora sui topi, è una ricerca dell`Università del Kansas pubblicata su `Science Translational Medicinè. Secondo gli scienziati, la somministrazione per via endovenosa di vitamina C potrebbe essere un trattamento potenzialmente sicuro, efficace e a basso costo per combattere il tumore ovarico e altri tipi di neoplasie.  I ricercatori Usa sembrano avere superato uno degli ostacoli che in passato avevano frenato l`utilizzo della vitamina C in campo oncologico, e cioè che il corpo espelle rapidamente la sostanza quando viene assunta per via orale. Ora il nuovo studio ha dimostrato che l`uso dell`iniezione può aiutare l`assorbimento della vitamina C, e renderla efficace nell`uccidere le cellule cancerogene senza pregiudicare quelle sane. Il trattamento a base di vitamina C per via endovenosa ha agito insieme ai tradizionali farmaci chemioterapici per rallentare la crescita del tumore nei topi. Nel frattempo, un piccolo gruppo di pazienti (22) ha riferito un minor numero di effetti collaterali quando gli veniva somministrata la vitamina C insieme alla chemioterapia.  Ad allarmare gli scienziati è lo scarso interesse dell`industria farmaceutica nei confronti di un composto organico che non si può brevettare. "Poichè la vitamina C non ha le potenzialità commerciali di una nuova molecola, crediamo che il suo sviluppo in campo oncologico non sarà supportato dalle aziende farmaceutiche", concludono i ricercatori.  



Vedi allegato
 
10.02.2014
Pediatria: palloncino anti-fame che si ingoia. Pillola di appena 6 grammi usata per la prima volta in campo pediatrico

Da: MEDICINA

Utilizzata per la prima volta in campo pediatrico al Bambino Gesù di Palidoro una metodica che permette di posizionare un palloncino anti-obesità nello stomaco semplicemente ingoiando una pillola. In Italia il 25% dei bambini è in sovrappeso, mentre il 13% è addirittura obeso. Non sempre, purtroppo, le strategie dietetiche e comportamentali riescono a risolvere il problema, per cui si rendono necessari trattamenti non convenzionali. Tra questi, il metodo meno invasivo prevede l`inserimento di un palloncino che viene gonfiato all`interno dello stomaco per indurre il senso di sazietà e aiutare così il paziente a seguire una dieta più corretta e dimagrire in maniera significativa. Fino a poco tempo fa - spiega una nota del nosocomio pediatrico - questi palloncini venivano inseriti per via endoscopica, ma oggi è disponibile una procedura alternativa che permette al paziente di inghiottire semplicemente una `pillola, del peso di appena 6 grammi, che verrà poi gonfiata all`interno dello stomaco attraverso un sottile tubicino dal diametro inferiore al millimetro. "Costituito da una membrana sottilissima - spiega Francesco De Peppo, responsabile della Chirurgia pediatrica generale del Bambino Gesù di Palidoro - il palloncino è studiato per resistere agli acidi dello stomaco ed è praticamente indistruttibile. Gonfiandolo con un gas più leggero dell`aria, l`azoto, facciamo sì che vada a posizionarsi nella parte alta dello stomaco, nel fondo gastrico, interagendo con i recettori dell`appetito e inducendo un senso di sazietà precoce". La nuova procedura era stata finora applicata solo agli adulti, ma l`Unità di Chirurgia del Bambino Gesù di Palidoro l`ha di recente utilizzata - per la prima volta - su un bambino di 11 anni, con Indice di massa corporea (Bmi, il rapporto tra peso e altezza del paziente) pari a 33 e un eccesso ponderale di oltre 30 chili rispetto al peso forma per altezza ed età. "Il bambino sul quale è stata utilizzata per la prima volta questa procedura - continua De Peppo - è riuscito a deglutire il palloncino al primo tentativo e, nel momento in cui lo abbiamo gonfiato con l`azoto, ci ha assicurato di non aver provato alcun dolore ma, al più, una `sensazione di bolle che si muovono. Dopo circa un mese dal primo palloncino, ne abbiamo inserito un secondo (se possono inserire fino a tre) per aiutare il bambino a seguire lo schema dietetico fissato dal medico". In questo modo il paziente può sentirsi sazio senza la fastidiosa sensazione di ingombro e peso allo stomaco provocata dal palloncino di vecchia generazione. Finora il nuovo palloncino è stato utilizzato in altri 10 pazienti, di età variabile tra 10 e 17 anni, e con Bmi compresi tra 33 e 43 (si tratta di bambini e adolescenti che arrivano a pesare anche 130 chili). Grazie a questa nuova metodica - prosegue la nota - il Bambino Gesù è ora in grado di trattare a 360° i problemi legati all`obesità patologica in età pediatrica e adolescenziale: infatti oltre all`attività svolta dai nutrizionisti, epatologi ed endocrinologi sui programmi di educazione alimentare, il nuovo palloncino endo-gastrico deglutibile si va ad aggiungere al palloncino tradizionale (preferibile nei pazienti con Bmi molto elevato) e agli interventi chirurgici laparoscopici di tipo restrittivo (riduzione della capacità gastrica) come la sleeve gastrectomy o di tipo malassorbitivo (come il By-pass o in casi estremi la diversione bilio-pancreatica). "Un altro vantaggio del nuovo palloncino - conclude De Peppo - è che può essere utilizzato su bambini con indici di massa corporea compresi tra 30 e 35 (col vecchio sistema, invece, si potevano trattare solo pazienti con Bmi superiore a 35). In questo modo sarà possibile intervenire più precocemente sui casi di obesità patologica, senza dover aspettare che la situazione si aggravi ulteriormente". Recentemente è stata attivata anche un`altra attività correlata al programma di trattamento dell`obesità patologica con l`esecuzione di interventi di chirurgia plastica (addominoplastica, liposuzione, ecc.) nei pazienti con ridondanza cutanea dopo importanti cali ponderali (oltre 40-50 Kg) successivi a intervento chirurgico. 

 



Vedi allegato
 
10.02.2014
Influenza: esperti, acqua, doccia tiepida e riposo stratagemmi anti-febbre. Gli esperti prevedono incremento del virus influenzale

Da: MEDICINA

In arrivo il picco dell`influenza anche in Italia. Alcuni piccoli accorgimenti possono aiutare a prevenire questi spiacevoli malanni: alimentazione sana, corretta idratazione e giusto riposo sono fra i più preziosi alleati. Tra gli altri consigli contro la febbre, anche una doccia tiepida, un abbigliamento a strati e impacchi freddi, che aiutano a ripristinare la normale temperatura corporea. È quanto riporta il water magazine `In a Bottle in un focus su idratazione e influenza. La febbre è senza dubbio il sintomo più comune dell`influenza. Studiosi della Brendesis University hanno spiegato perché, in caso di febbre e quindi di aumento della temperatura corporea, una corretta idratazione si rivela fondamentale per l`organismo e come l`acqua sia tra le bevande preferibili: favorisce ad alleviare alcuni dei sintomi che segnalano l`alterazione del normale stato di salute come mal di testa, dolori muscolari, spossatezza. Uno studio dell`Università di Lethbridge ha fatto chiarezza sui virus influenzali e su come il giusto apporto idrico in caso di influenza possa essere un vero e proprio aiuto. I ricercatori hanno spiegato che esistono vari tipi di virus influenzali che possono causare febbre, affaticamento, dolori muscolari, mal di gola e tosse. I virus attaccano le cellule del naso e della gola o del tratto respiratorio inferiore e si moltiplicano per mezzo della tosse o degli starnuti. Per questo l`organismo viene debilitato e una prima reazione che può sorgere è la carenza di sete e appetito. Ma se il fisico viene sottoposto a disidratazione, con le difese basse, i sintomi possono anche aggravare col tempo. Infine, i Centers for Disease Control and Prevention americani hanno scoperto che i virus dell`influenza e del raffreddore attecchiscono di più quando si è disidratati. Raccomandano quindi di fare attenzione alla disidratazione anche nei periodi più freddi, bevendo almeno ogni tre ore. Mantenere una buona idratazione aiuta a mantenere forte il proprio sistema immunitario.  



Vedi allegato
 
10.02.2014
Gestire crisi ipoglicemiche, al via campagna diabete

Da: INIZIATIVE

Per le persone con diabete, la gestione delle crisi ipoglicemiche è un obiettivo imprescindibile, di cui spesso il paziente è poco a conoscenza e per il quale è necessaria una consapevolezza più diffusa. A 7 anni dal lancio di sitagliptin, MSD Primary Care Diabete presenta `L`educazione innanzitutto, un nuovo progetto educazionale che ha come obiettivo quello di informare sulla consapevolezza del problema ipoglicemia, sulle complicanze a essa associate e sul ruolo della sua corretta gestione. La campagna prende avvio con il lancio di un cortometraggio, interpretato dagli attori Enzo Decaro e Marta Zoffoli, che pone l`accento sui rischi che derivano dal sottovalutare l`ipoglicemia. Il cortometraggio si rivolge alle persone con diabete con la finalità educazionale di far comprendere cosa sia l`ipoglicemia e quali siano le complicanze ad essa associate. Il corto vuole inoltre essere uno spunto di riflessione per i medici e gli esperti di diabetologia circa l`importanza della consapevolezza da parte dei pazienti del problema ipoglicemia e la necessità di una sua corretta gestione. L`iniziativa si colloca in un programma più ampio che vede MSD Primary Care Diabete impegnata nel sostegno, nella realizzazione e promozione di iniziative sociali ed educazionali ad alto valore innovativo, dedicate alla conoscenza e alla prevenzione del diabete. Prima vetrina di lancio del cortometraggio è il convegno scientifico DDay- Defeating Diabetes in corso a Milano per fare il punto sull`impatto sociale ed economico del diabete, la ricerca e l`innovazione terapeutica e che vedrà la partecipazione dei più illustri esperti in diabetologia del panorama scientifico italiano e internazionale.  



Vedi allegato
 
06.02.2014
Memoria fa il montaggio, riscrive passato con presente. Primo studio dimostra come il cervello elabora vissuto

Da: RICERCA

La memoria non è un database immobile da cui attingere, ma modifica ciò che è stato raccolto in passato con le esperienze del presente, e spesso può essere difettosa e farsi beffe del mosaico della vita, inserendo immagini e ricordi vissuti recentemente con altri avvenuti anni addietro. A verificare per la prima volta come la memoria può riscrivere ciò che si ricorda, e il ruolo dell`ippocampo in questo meccanismo, è uno studio della Northwestern University Feinberg School of Medicine (Usa) pubblicato sul `Journal of Neurosciencè. Il lavoro dimostra concretamente il processo per cui il cervello inserisce frammenti del presente nei ricordi del passato, quando quei momenti vengono recuperati dalla memoria. Una sorta di montaggio del vissuto.  "La nostra memoria non registra come una videocamera - spiega Donna Jo Bridge, autrice del lavoro - ma ristruttura e modifica gli eventi per creare una storia che può soddisfarci oggi, ovvero per essere attuale. Questa specie di montaggio, ha stabilito la ricerca, avviene a livello dell`ippocampo, dove il cervello lavora come un team di esperti di montaggio ed effetti speciali" nel cinema. Per l`esperimento i ricercatori hanno selezionato 17 uomini e donne che hanno studiato 168 posizioni di alcuni oggetti sullo schermo di un computer con vari sfondi, da una scena marina a una veduta aerea di terreni agricoli. Successivamente i ricercatori hanno chiesto ai partecipanti di cercare di posizionare gli oggetti osservati in precedenza nella posizione originale, ma su un nuovo sfondo. Ebbene, i partecipanti hanno sempre inserito gli oggetti nel punto sbagliato. "Questo dimostra che la loro memoria originaria del luogo è cambiata per riflettere la posizione che cercano di ricordare, però sul nuovo sfondo. Dunque il cervello ha aggiornato le informazioni a disposizione inserendo nuove informazioni nel vecchio ricordo", concludono gli scienziati. 
 


Vedi allegato
 
06.02.2014
Studio, credere di avere tutto sotto controllo allunga la vita. Fatalisti bocciati, essere sicuri di sé premia soprattutto i meno istruiti

Da: MEDICINA

Credere di avere tutto sotto controllo, e di poter mantenere saldo il timone anche nelle avversità, allunga la vita e regala un tasso di mortalità fino a 3 volte inferiore rispetto a un approccio fatalista all`esistenza. Il monito a chi si lascia travolgere dagli eventi arriva da uno studio condotto da scienziati dalla Brandeis University e dell`Università di Rochester, negli Usa. La ricerca, pubblicata su `Health Psychology` e sostenuta dal National Institute on Aging, dimostra che a beneficiare di un atteggiamento sicuro e determinato sono soprattutto le persone meno istruite.  Da precedenti studi è emerso infatti che le persone con livelli di istruzione inferiore tendono a morire prima di chi è andato avanti negli studi. Ma ora, analizzando i dati di un`indagine nazionale che ha coinvolto oltre 6 mila persone, gli studiosi americani suggeriscono che, in qualche modo, la convinzione di poter governare gli eventi in ogni situazione ‘annulla’ l`effetto di un`istruzione inferiore: i partecipanti alla ricerca meno istruiti, ma con la percezione di un alto potere di controllo sulla propria vita, valutato attraverso questionari ad hoc, mostravano infatti tassi di mortalità 3 volte minori rispetto a chi ha uno scarso senso del controllo.  "Esistono metodi e strategie per migliorare il senso di controllo - sottolinea Margie Lachman, fra gli autori - Potremmo attuare questi approcci nei programmi di educazione e salute pubblica, con l`obiettivo di promuovere atteggiamenti e comportamenti vantaggiosi per la salute e quindi, in ultima analisi, riducendo i rischi di mortalità".

 



Vedi allegato
 
06.02.2014
Funziona prima mano bionica made in Italy che ‘sente’ gli oggetti. Guidata col pensiero, impiantata a un uomo amputato dopo scoppio petardo

Da: MEDICINA

La mano biomeccanica applicata al cavaliere Jedi Luke Skywalker in Guerre Stellari, capace di sentire gli oggetti e guidata dalla mente, non è più solo fantascienza. La protesi, frutto di un progetto internazionale che vede l`Italia protagonista, è stata sperimentata da un paziente danese amputato di mano sinistra: si è rivelata in grado di trasmettere sensazioni tattili al cervello e gli ha permesso di manipolare degli oggetti con la giusta forza. Ma anche di riconoscere la consistenza di un bicchiere, una palla da baseball o un mandarino. Lo studio LifeHand2, descritto su `Science Translational Medicinè, è il seguito dell`omonimo progetto di ricerca che cinque anni fa portò alla prima protesi capace di rispondere agli impulsi cerebrali.  A sperimentare con successo questa soluzione hi-tech sono medici e bioingegneri dell`Università Cattolica-Policlinico Gemelli di Roma, dell`Università Campus Bio-Medico di Roma, della Scuola Superiore Sant`Anna di Pisa e dell`Ircss San Raffaele di Roma. Fanno parte del gruppo di ricerca anche due Centri oltreconfine: l`Ecole Polytechnique Federale di Losanna e l`Istituto Imtek dell`Università di Friburgo. In questo lavoro la mano artificiale, in grado di dialogare direttamente con il cervello del paziente e dotata di sensori tattili sulle dita, ha inviato al cervello informazioni su forma, consistenza e posizione di differenti oggetti. Insomma, la mano di metallo innestata sul braccio amputato si è rivelata capace di muoversi non solo rispondendo direttamente agli impulsi del cervello, ma anche di trasmettere sensazioni tattili, facendo ‘sentire’ forme e consistenza degli oggetti impugnati.  La storia di questo eccezionale esperimento inizia nel capodanno del 2004, quando Dennis Aabo Sorensen, 36enne danese, subì l`amputazione della mano sinistra, distrutta da un petardo. Da allora solo una protesi estetica e l`impegno a ricominciare con una forza d`animo che gli ha permesso di superare i test psicologici di selezione, fino ad arrivare a Roma, per affrontare la fase sperimentale di LifeHand 2. Non è uno scherzo, infatti, adattarsi alla mano bionica: è recente la decisione di Walter Visigalli, il primo italiano a subire un trapianto di mano, di restituire la sua protesi hi tech perché non riusciva a dosare la forza. In questo caso, però, la comunicazione tra il cervello di Dennis e la mano artificiale dotata di tatto ha effettivamente funzionato, grazie a un complesso sistema d`impulsi tra centro e periferia, tra organismo e arto artificiale, che ha avvicinato ulteriormente la scienza all`impresa di riprodurre ciò che naturalmente accade nell`organismo umano. "Quella del feedback sensoriale è stata per me un`esperienza stupenda - racconta Dennis - Tornare a sentire la differente consistenza degli oggetti, capire se sono duri o morbidi e avvertire come li stavo impugnando è stato incredibile", dice Dennis. La sua esperienza è stata confermata dall`osservazione sperimentale. In otto giorni di esercizi, infatti, il giovane è stato in grado di riconoscere la consistenza di oggetti duri, intermedi e morbidi in oltre il 78% delle prove effettuate. Nell`88% dei casi, inoltre, ha definito correttamente dimensioni e forme di oggetti come una palla da baseball, un bicchiere o l`ovale di un mandarino. Non solo. Ha saputo anche localizzare la loro posizione rispetto alla mano con il 97% di accuratezza, riuscendo a dosare - con una precisione non troppo distante da quella di una mano naturale - la forza da applicare per afferrarli.  I dati sperimentali, riferiscono i ricercatori, hanno dimostrato che è possibile ripristinare un effettivo feedback sensoriale nel sistema nervoso di un paziente amputato, utilizzando i segnali provenienti dalle dita sensorizzate della protesi. A collegare il sistema nervoso di Dennis con la protesi biomeccatronica sono quattro elettrodi intraneurali, poco più grandi di un capello, impiantati nei nervi mediano e ulnare del suo braccio. Un intervento delicato, durato più di otto ore, eseguito il 26 gennaio del 2013 al Policlinico Gemelli di Roma dal neurochirurgo, Eduardo Marcos Fernandez. Sviluppati nel Laboratorio di Microtecnologia biomedica Imtek, sotto la direzione di Thomas Stieglitz, gli elettrodi sono stati impiantati trasversalmente rispetto ai fascicoli nervosi, in modo da moltiplicare la loro possibilità di contatto con le fibre dei nervi e di conseguenza la loro capacità di comunicazione con il sistema nervoso centrale.  Il gruppo di lavoro coordinato da Silvestro Micera, docente di Bioingegneria all`Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant`Anna di Pisa e all`Ecole Polytecnhique Federale di Losanna, ha sviluppato parallelamente una serie di algoritmi capaci di trasformare in un linguaggio comprensibile al cervello di Dennis le informazioni provenienti dalla mano artificiale. "Il paziente è riuscito a modulare in maniera molto efficace e in tempo reale la forza di presa da applicare sugli oggetti - commenta Micera - Ha svolto, inoltre, gli esercizi bendato, riuscendo a riconoscere le varie proprietà di questi oggetti grazie unicamente al continuo invio d`informazioni sensoriali dalla protesi al suo sistema nervoso. È la prima volta che si realizza qualcosa di simile". La "sperimentazione appena conclusa - sintetizza Eugenio Guglielmelli, direttore del Laboratorio di Robotica biomedica e biomicrosistemi dell`Università Campus Bio-Medico - ci permette di guardare con fiducia all`obiettivo di integrare in questo tipo di protesi un numero sempre più elevato di sensori tattili". Per una mano bionica sensibile come quella che ha permesso a Skywalker di sconfiggere l`Impero. 

 


Vedi allegato
 
05.02.2014
Simit, cresce tbc anche per flussi migratori e globalizzazione

Da: Sanità

"La tubercolosi, in termini quantitativi, è una malattia fortemente in crescita. Questo perché la globalizzazione, l`estrema facilità degli individui a viaggiare per il mondo e l`immigrazione, che comporta l`arrivo di persone da zone ad alta endemia, provoca un sempre maggiore aumento dei casi". Lo spiega in una nota Massimo Andreoni, presidente della Società italiana malattie infettive e tropicali (Simit).  "Non si tratta certo di criminalizzare gli immigrati - precisa Andreoni - ma di essere coscienti dei nuovi flussi e porre i rimedi immediati, specie dopo il collasso del sistema sanitario sovietico e l`aumento delle presenze dall`Africa e dal Medio Oriente. Trattandosi di una malattia a trasmissione respiratoria attraverso colpi di tosse e starnuti, la propagazione della malattia aumenta esponenzialmente laddove sono presenti gruppi e luoghi chiusi. L`alta diffusibilità di questa malattia comporta il verificarsi di piccole epidemie, come avvenuto proprio in questi ospedali".  Si tratta di una malattia subdola, che può iniziare con una febbriciattola o con un piccolo dimagrimento, e che provoca una tosse spesso insistente, che persiste nonostante la cura di antibiotici. "Ad avvenuto contagio - continua Andreoni - i primi sintomi rivelatori sono disturbi respiratori, come una bronchite persistente. In questa fase l`Rx del torace permette di fare una diagnosi per capire se si tratta o meno di tubercolosi. Con il passare del tempo la tosse si intensifica sino a provocare espettorati anche emorragici". Tra i consigli degli specialisti della Simit, la presenza costante di uno staff medico che tuteli e sorvegli tutti i principali luoghi di formazione, così da riconoscere sintomi e malattie prima che si propaghino. "I soggetti più a rischio sono gli immunodepressi - conclude il presidente Simit - ossia le persone che fanno uso di farmaci che possono comportare un`immunosoppressione. Parliamo di pazienti che si curano da semplice malattie dermatologiche o gastroenterologiche, o che fanno uso di cortisone. Ma siamo tutti a rischio, e noi medici dobbiamo imparare a diagnosticare più velocemente possibile questa malattia". 

 



Vedi allegato
 
04.02.2014
112 mila bambini a rischio cure, vittime povertà sanitaria. Sabato giornata nazionale raccolta farmaco

Da: Sanità

La ricerca italiana firma un passo avanti nella lotta al glioblastoma, il tumore cerebrale più diffuso e aggressivo che secondo dati Airtum (Associazione italiana registri tumori) fa registrare nel nostro Paese oltre 1.200 casi all`anno. In uno studio condotto in Canada nei laboratori della McGill University di Montreal - con primo autore il neurochirurgo Alessandro Perin, in forze all`Istituto neurologico Besta di Milano - sono state individuate due proteine che avviano la crescita del glioblastoma. Si tratta dei fattori di trascrizione FOXG1 e Groucho/Tle, che in futuro potrebbero essere il bersaglio di nuove terapie in grado di bloccare lo sviluppo del cancro. Il glioblastoma rappresenta il 15% di tutti i casi di tumore cerebrale e colpisce in particolare tra i 45 e i 70 anni, soprattutto gli uomini.  La ricerca, condotta in collaborazione con l`ospedale di Treviso, l`Istituto di genetica e biofisica `Adriano Buzzati Traversò di Napoli e l`Hotchkiss Brain Institute dell`università canadese di Calgary, è pubblicata su Nature Communications. "FOXG1 e Groucho/TLE, come veri e propri interruttori - spiega Perin - accendono e spengono l`espressione e quindi l`azione di numerosi geni: per questo aver scoperto il ruolo di questi due fattori di trascrizione apre diverse possibilità terapeutiche". Lo scienziato tiene tuttavia a puntualizzare che, "sebbene sia un passo importante, non è ancora una cura e quindi andranno ancora sviluppati ulteriori studi prima di un`eventuale applicazione nella pratica clinica".  Le due proteine individuate agiscono su uno specifico gruppo di cellule chiamate Brain-tumor initiating cells (Btics), tra cui anche staminali tumorali, che danno inizio al glioblastoma e ne formano il primo nucleo. Queste cellule riescono a `innescare’ il cancro anche quando sono poco numerose, perciò sono spesso causa di ricadute anche dopo interventi chirurgici, radioterapia e chemioterapia. Bloccando i meccanismi di proliferazione delle Btics, quindi disattivando queste cellule `serbatoio’, i ricercatori mirano a contrastare la formazione di recidive tumorali ancora più aggressive. In una nota, il Besta ricorda infine una curiosità sul fattore Groucho/TLE: deriva il suo nome dall`omonimo comico, componente del trio americano dei fratelli Marx. Il primo ricercatore che si occupò della proteina la studiò infatti nei moscerini della frutta, selezionando varianti mutanti di insetti che iperproducevano il fattore e mostravano una sovrabbondanza di ciglia sopraorbitali, molto simili alle folte sopracciglia di Groucho Marx. 


Vedi allegato
 
04.02.2014
Besta Milano, 2 nuovi bersagli contro il cancro al cervello. Da studio Italia-Canada speranze per bloccare glioblastoma

Da: MEDICINA

La ricerca italiana firma un passo avanti nella lotta al glioblastoma, il tumore cerebrale più diffuso e aggressivo che secondo dati Airtum (Associazione italiana registri tumori) fa registrare nel nostro Paese oltre 1.200 casi all`anno. In uno studio condotto in Canada nei laboratori della McGill University di Montreal - con primo autore il neurochirurgo Alessandro Perin, in forze all`Istituto neurologico Besta di Milano - sono state individuate due proteine che avviano la crescita del glioblastoma. Si tratta dei fattori di trascrizione FOXG1 e Groucho/Tle, che in futuro potrebbero essere il bersaglio di nuove terapie in grado di bloccare lo sviluppo del cancro. Il glioblastoma rappresenta il 15% di tutti i casi di tumore cerebrale e colpisce in particolare tra i 45 e i 70 anni, soprattutto gli uomini.  La ricerca, condotta in collaborazione con l`ospedale di Treviso, l`Istituto di genetica e biofisica `Adriano Buzzati Traversò di Napoli e l`Hotchkiss Brain Institute dell`università canadese di Calgary, è pubblicata su Nature Communications. "FOXG1 e Groucho/TLE, come veri e propri interruttori - spiega Perin - accendono e spengono l`espressione e quindi l`azione di numerosi geni: per questo aver scoperto il ruolo di questi due fattori di trascrizione apre diverse possibilità terapeutiche". Lo scienziato tiene tuttavia a puntualizzare che, "sebbene sia un passo 



Vedi allegato
 
03.02.2014
Allergia arachidi si batte a piccole dosi, successo su 84% pazienti, trial su 85 bambini, dopo 6 mesi sono tornate a mangiarle senza problemi

Da: MEDICINA

Una nuova strada per contrastare l`allergia alle arachidi nei bimbi. A metterla a segno è il trial clinico dell`ospedale di Addenbrooke (Cambridge), i risultati sono stati pubblicati su `Lancet`. Secondo i medici è un passo decisivo per il trattamento dell`allergia alle arachidi che ha trasformato la vita dei piccoli pazienti (85) che hanno partecipano in allo studio clinico e che dovevano mangiare piccole dosi di arachidi tutti i giorni. I risultati del trial indicano che l`84% dei bambini allergici dopo sei mesi poteva mangiare l`equivalente di cinque arachidi al giorno. Oggi ancora non esiste un trattamento definitivo contro questa allergia alimentare, così l`unica opzione per le famiglie e i piccoli pazienti è quella di evitare completamente i prodotti che contengono le arachidi, controllando sempre le etichette per evitare brutte sorprese. Alla base della ricerca dell`ospedale inglese c`è il principio di addestrare il sistema immunitario dei bambini a tollerare le proteine delle arachidi assumendo l`alimento in piccolissime dosi ben al di sotto della soglia che fa esplodere la reazione allergica. 

 
 


Vedi allegato
 
MAPPA DEL SITO | CERTIQUALITY | NOTE LEGALI E COPYRIGHT | PRIVACY POLICY | COOKIE POLICY
 
2015© sigma-tau s.p.a. | P.IVA n. 00885531004